Un autovelox lo fotografa a 696 km/h ma l'automobilista è a bordo di una Opel Astra Chilometrando
15 Aug 2018 | Aggiornato alle 22:40

Un autovelox lo fotografa a 696 km/h ma l’automobilista è a bordo di una Opel Astra

Il "fuorilegge" è un belga di 32 anni multato per un eccesso di velocità un po' troppo eccessivo

8 maggio 2018 08/05/2018
Un autovelox lo fotografa a 696 km/h ma l'automobilista è a bordo di una Opel Astra

Ricevere una multa per eccesso di velocità può accadere a tutti. Recapitarne una perché un autovelox ha fotografato un’auto che sfrecciava alla velocità di 696 km/h è questione impossibile diremmo tutti. Invece no, la “confutazione” arriva direttamente dalle strade del Belgio, sede presso le quali un automobilista è stato immortalato a ben 649 km/h oltre il limite consentito.

L’eccesso di velocità è un po’ eccessivo

Sull’importanza della sicurezza stradale nessuno può obiettare alcunché. Alla multa per eccesso di velocità in questione, controbattere è invece d’obbligo. Non vale neanche la pena spiegare che il caso mediatico scatenatosi nelle ultime ore è frutto di un banale errore commesso dai sistemi elettronici che hanno fotografato un’auto che sfrecciava a 694 km/h.

A superare la velocità massima di qualsiasi Ferrari, Lamborghini o Bugatti che si sia mai vista è una Opel Astra. E dopo averla immortalata nella folle corsa, la segnalazione dell’accaduto è stata inoltrata dalla Polizia Municipale di Quiévran, un Comune della provincia di Hainaut, direttamente al proprietario della vettura che si è trovato di fronte una bella multa con su scritto di quanto ha superato il limite consentito: la bellezza di 654,24 km/h oltre i 50 km/h riportati sui cartelli stradali presenti nel tratto in questione.

Un autovelox lo fotografa a 696 km/h ma l'automobilista è a bordo di una Opel Astra
Credits: Facebook @Perles Rares De Belgique

La reazione del proprietario e delle autorità

La reazione del proprietario della “Opel Astra super veloce” al momento in cui gli è stata notificata la lieta comunicazione è facilmente immaginabile. E come chiunque avrebbe fatto il trentenne si è prontamente rivolto alle stesse autorità domandando legittime spiegazioni.

Ne seguono le risposte da parte della Polizia che, come intuibile, giustificano l’accaduto facendone notare la causa: un errore di battuta non così raro per quanto riguarda gli autovelox. Sebbene di eccesso di velocità si tratti, quella effettiva era di fatto di 69,6 km/h invece dei rocamboleschi 696 km/h: ovverosia appena 19,6 km/h oltre i limiti consentiti. Al di là di tutte le diatribe relative agli autovelox, ai semafori autovelox e ai finti autovelox, dopo tutto la questione pare essersi risolta bene, con una sanzione commisurata alla velocità effettiva, logicamente.

Un autovelox lo fotografa a 696 km/h ma l'automobilista è a bordo di una Opel Astra
Credits:: Gettyimages.com