24 Apr 2019 | Aggiornato alle 10:14

Divieto di circolare con il diesel? Ecco le soluzioni Volkswagen e BMW

Le due aziende offrono proposte innovative per i loro clienti tedeschi, dove molte città hanno introdotto misure restrittive

3 aprile 2018 03/04/2018
diesel

Non si è ancora spento il clamore generato dallo scandalo Dieselgate, che ha provocato conseguenze rilevanti, sia sul piano economico sia su quello della popolarità, soprattutto a Volkswagen. Questo è stato certamente uno dei motivi principali che ha spinto il colosso tedesco a concentrare la propria produzione soprattutto sulla mobilità elettrica. La casa automobilistica ha deciso comunque di non fermarsi qui: in Germania gli utenti potranno scambiare il proprio modello diesel con un altro.

Problemi con l’auto diesel? Volkswagen ha la soluzione

Lo scandalo Dieselgate, che ha coinvolto negli ultimi tempi Volkswagen, sembra inevitabilmente avere contribuito a diminuire la fiducia degli automobilisti nei confronti dei motori diesel. I piani delle aziende del settore stanno così iniziando a cambiare in maniera sempre più chiara: sono diverse le realtà che hanno deciso di interrompere (o lo faranno a breve) la produzione di propulsori a gasolio.

Il colosso tedesco ha deciso di fare qualcosa in più per venire in aiuto a chi ha già dimostrato fiducia nelle proprie vetture. Chi acquista un modello diesel a partire dal 1° aprile potrà usufruire di una proposta particolare che prende il nome di “Garanzia Germania”:  se il Comune di residenza, oppure quello dove l’automobilista svolge il proprio lavoro, venissero interessati da eventuali provvedimenti a sfavore dei turbodiesel, potrà restituire (buy-back) la propria vettura. In cambio potrà avere un modello di pari valore (al netto di precedenti ecoincentivi) alimentato diversamente. Gli utenti potranno farlo entro tre anni dalla data di acquisto.

Anche BMW non sta a guardare

La situazione proposta da Volkswagen non è poi così inusuale. La prima a muoversi in Germania bloccando la circolazione dei veicoli dotati di motore diesel è stata infatti BMW. L’operazione introdotta dalla casa automobilistica tedesca prende il nome di “Diesel-Rücknahmeversprechen“: l’iniziativa offre la possibilità ad alcuni clienti di sostituire il proprio modello a gasolio con un altro equivalente dotato di propulsore benzina o ibrido. L’idea nasce dalla decisione del governo, che consente alle amministratori locali di vietare la circolazione delle auto con motore a gasolio.

Almeno per ora possono usufruire della proposta solo i possessori di vetture in leasing nel caso in cui la proibizione diventi effettiva. Al momento la proposta è valida per un periodo più ristretto, ovvero dal 15 marzo al 30 giugno.

 

Foto immagine in evidenza: Qui Finanza