Ferrari, la 512 fu chiamata BB dagli ingegneri in onore di Brigitte Bardot Chilometrando
15 Aug 2018 | Aggiornato alle 22:43

Ferrari, la 512 fu chiamata BB dagli ingegneri in onore di Brigitte Bardot

Il designer italiano Leonardo Fioravanti ha parlato del vero significato della sigla BB data alla Ferrari 512. Dietro la sigla si cela il nome della mitica modella

8 agosto 2018 08/08/2018

Sono passati 47 anni dalla presentazione della Ferrari 512 BB al salone di Torino, ma la berlinetta di Maranello continua a stupire gli appassionati. La 512 non è stata solo la prima auto del cavallino a motore centrale, ma dietro la sigla BB si nasconde un segreto custodito tutti questi anni. A svelare il segreto della sigla, che dovrebbe significare berlinetta boxer, è stato il designer Leonardo Fioravanti. Fioravanti ha lavorato al design delle auto del cavallino rampante per Pininfarina per anni, dalle sue mani sono infatti uscite auto come la Daytona, la 365 GT 2+2, la 308 GTB, la 288 GTO e la Ferrari 348.

Leonardo Fioravanti e la Ferrari 512 BB (Foto:veteranauto)

BB come Brigitte Bardot

Il designer italiano negli scorsi giorni ha raccontato a Repubblica i retroscena dietro la creazione della mitica 512.“Quando lavoravamo al prototipo io e i miei riferimenti operativi a Maranello, Angelo Bellei e Sergio Scaglietti ci eravamo letteralmente innamorati di quella Ferrari, la prima a motore centrale nella storia del Cavallino. Ci sembrava bellissima. Per questo internamente, fra di noi, l’avevamo battezzata Brigitte Bardot, BB. Poi continuando con il lavoro di messa a punto era diventato naturale chiamare quella macchina BB in tutti i reparti Ferrari coinvolti nello sviluppo. Alla fine era diventato talmente naturale chiamare la macchina così che dopo tante ore di lavoro Brigitte Bardot, BB rimase“.

Brigitte Bardot in una foto d’epoca

Ferrari risponde a Lamborghini

Dopo anni in cui affermava mai mettere il carro davanti ai buoi” Enzo Ferrari si era convinto a produrre la prima Ferrari a motore centrale. L’ipotesi più plausibile di questa scelta da parte del Drake fu molto probabilmente l’uscita della nuovissima, e all’avanguardia per i tempi, Lamborghini Miura. La scelta della sigla BB, come ammesso dallo stesso Fioravanti, fu una forte forzatura: “Fu la soluzione che trovarono a Maranello, ma aveva in sé due grandi forzature. La prima è legata alla parola Berlinetta: normalmente si riferiva a vetture a motore anteriore, con una carrozzeria, appunto, simile a quella di una berlina, non certo ad una supercar a motore centrale. La seconda è Boxer: quello della BB non è tecnicamente un motore boxer ma un V12 con un angolo di 180 gradi. La differenza, notevole dal punto di vista meccanico, sta nel diverso albero motore”.

La banda che aveva tentato di trafugare la salma di Enzo Ferrari è a processo
Enzo Ferrari (Credits:Motori.quotidiano.net)