21 Mar 2019 | Aggiornato alle 19:04

Volvo, obiettivo sicurezza: limite di velocità sulle auto a 180 km/

La casa automobilistica, che ha ideato anche le cinture di sicurezza, pensa di ridurre il numero di morti sulle strade

12 marzo 2019 12/03/2019
volvo

Guai a non prestare attenzione alla sicurezza. È questo l’obiettivo che ormai da tempo si sono prefisse tutte le case automobilistiche per far sì che l’esperienza a bordo possa essere all’insegna totale del comfort. Volvo ha però deciso di fare qualcosa in più: le vetture che saranno prodotte entro il 2020 non potranno superare i 180 km/h. L’idea alla base di questa scelta ha uno scopo ben preciso, ovvero quello di fare il possibile per ridurre il numero di vittime per effetto di incidenti in strada. E non è un caso che l’iniziativa sia nata proprio dalla casa automobilistica, già ideatrice delle cinture di sicurezza.

Una rivoluzione nei viaggi in auto

In Europa si sta valutando tra gli Stati membri dell’Unione Europea di innalzare il limite di velocità in autostrada a 150 km/h. La decisione non manca di fare discutere soprattutto perché si pensa che questo possa “spingere” gli automobilisti ad avere un comportamento più spregiudicato senza riuscire a rallentare tempestivamente in caso di necessità.

Volvo ha invece deciso di andare controcorrente e sta lavorando a una novità davvero inaspettata, ma destinata a cambiare le abitudini di chi si mette al volante. L’azienda ha infatti deciso di limitare elettronicamente la velocità massima che potrà essere raggiunta dalle proprie vetture e che non potrà superare i 180 km/h. Ormai da qualche tempo la casa automobilistica ha avviato un programma etico che prende il nome di “Vision 2020”, nato con l’obiettivo di ridurre in modo incisivo il numero di vittime e feriti gravi in seguito a un incidente.

incidente volvo

Si punta a un cambio di mentalità

L’auspicio che desidera perseguire Volvo può avere effetti benefici anche sulla condotta delle persone che si mettono al volante. Troppo spesso, infatti, si finisce per guidare senza rendersi conto di non essere nelle condizioni adeguate e dei rischi provocati a se stessi e agli altri automobilisti.

Non ci si vuole comunque fermare qui. La casa automobilistica sarebbe al lavoro anche per mettere in atto un dispositivo in grado di controllare intelligentemente la vettura e di limitarne la velocità non appena ci si ritrova nei pressi di ospedali e scuole.

Scolari all’uscita da scuola

Gli esperti dell’azienda sono convinti di poter ottenere da questo modo di agire importanti benefici: Il problema legato all’eccesso di velocità consiste nel fatto che, al di sopra di determinate andature di marcia, la tecnologia di sicurezza installata a bordo e le infrastrutture intelligenti non sono più sufficienti a evitare morti e feriti gravi in caso di incidente – ha detto Ivan Ivarsson, uno degli esperti in sicurezza di Volvo -. È per questa ragione che nella maggior parte dei Paesi occidentali sono in vigore i limiti di velocità, sebbene il problema della guida troppo veloce sia diffuso ovunque e costituisca una delle più comuni cause di morte nel traffico”.

 

Foto immagine in evidenza: Pixabay