23 Apr 2019 | Aggiornato alle 17:11

La classifica: quali sono i dieci SUV più rubati d’Italia

Suburban Utility Veichle, ovvero SUV: una categoria di auto in continua ed ineluttabile crescita, ma per questo anche vittima preferita dei ladri

26 novembre 2018 26/11/2018

Gli italiani amano i SUV. Tanto gli automobilisti quanto, purtroppo, i ladri. Il dato rilevato nella prima metà del 2018 è notevole: una nuova vettura su tre, precisamente il 35% è un SUV o un Crossover. E si sa, il mercato illegale segue nell’ombra l’andamento delle leggi di domanda e d’offerta, riflettendo i trend dei consumatori.

A far chiarezza sull’orizzonte è una ricerca pubblicata da LoJack reparto Italia, una società statunitense che tratta i dispositivi, hardware e software, per il monitoraggio ed il recupero di veicoli e beni rubati o comunque perduti. Lo studio, che s’intitola “L’evoluzione dei furti d’auto: emergenza SUV“, rileva come per questa tipologia d’auto nel giro di un anno il tasso di furti sia incrementato dell’8.2% quando per i restanti segmenti di mercato, in media, lo stesso parametro sia decresciuto del 7.5%.

Da segnalare, in calce allo stesso paper, un dato terribile: su tutti i SUV rubati, 7 veicoli su 10 non vengono recuperati e svaniscono praticamente nel nulla. LoJack ritiene perciò che la maggior parte dei furti avvenga su commissione per rifornire i mercati esteri come i Balcani, l’Africa, il Brasile e l’Estremo Oriente.

Infine, le regioni maggiormente attraversate da questo fenomeno sono, nell’ordine decrescente, Lazio, Lombardia, Puglia e Campania.

Vediamo, allora, quali sono i SUV più rubati d’Italia, considerando i dati relativi all’annata 2017.

L’articolo prosegue alla pagina successiva:

1 di 11L'articolo continua