F1, Monza: pole position di Lewis Hamilton, deludono le Ferrari

Brutte qualifiche per le Ferrari, entrambe in quarta fila: a Monza il time attack è di Lewis Hamilton, più imprendibile che mai. Con la sua pole batte il record di Schumi. Bene le Red Bull, delude anche Bottas.

Con 69 centri nel palmares, Lewis Hamilton è il pilota che ha collezionato più pole position nella storia della Formula Uno, superando Michael Schumacher a quota 68. Il sorpasso, se così si può chiamare, è avvenuto poche ore fa, quando l’inglese al volante della Mercedes ha fermato il crono a 1’35″554 nelle qualifiche del Gran Premio d’Italia nell’autodromo di Monza. Lewis ha dominato la sessione di prove ufficiali, letteralmente tormentate dalla pioggia battente: un fatto che indotto la direzione corsa a ritardare il via dalle ore 14 alle ore 16.40.

Red Bull da incorniciare

Dietro di lui, ad un secondo di distacco, un meraviglioso Max Verstappen, che già era brillato nel Q2. L’enfant prodige del Circus ha voglia di riscattarsi dopo una stagione da dimenticare: in dodici GP finora disputati l’olandese si è ritirato in ben sei occasioni, molte delle quali per propri errori. Bene anche l’altra Red Bull di Daniel Ricciardo, dietro il suo compagno di scuderia per soli 129 millesimi. Ricciardo ha intrattenuto il pubblico prima delle qualifiche con una simpaticissima gag: acciuffata la telecamera da un operatore, si è intrufolato nei box Mercedes inquadrando la W08 Hybrid per spiarne – goliardicamente – le soluzioni.

Delusione Ferrari

Sabato da dimenticare, invece, per le Ferrari. La Rossa di Maranello non sembra trovare il giusto feeling con la pista brianzola, le cui condizioni dell’asfalto di certo non hanno aiutato nella messa a punto. Pasticcia Vettel precipitando a due secondi e mezzo da Hamilton – un abisso -, agguantando soltanto l’ottava piazza. Dalla quarta fila lo affiancherà Kimi Raikkonen, capace di garantirsi il settimo tempo con novanta millesimi di vantaggio su Seb. Opaco anche il time attack di Valtteri Bottas, alla fine sesto con un tempo di poco inferiore alle due Ferrari. Occasione ghiotta, dunque, per sua maestà Hamilton, che in classifica iridata ha solamente 7 punti di ritardo da Vettel: domani scatterà davanti a tutti in una pista che vede la sua Mercedes favorita ed in cui ha primeggiato già in tre precedenti occasioni. La griglia di partenza: 1. Hamilton, 2. Verstappen, 3. Ricciardo, 4. Stroll, 5. Ocon, 6. Bottas, 7. Raikkonen, 8. Vettel, 9. Massa, 10. Vandoorne.

Aggiungi un commento