21 Mar 2019 | Aggiornato alle 17:33

F1, sotto shock, piange la morte di Charlie Whiting

A pochi giorni dall'inizio della stagione 2019, la Formula 1 perde uno dei suoi pilastri, il Race Director Charlie Whiting. Aveva 66 anni

14 marzo 2019 14/03/2019
F1, sotto shock, piange la morte di Charlie Whiting

È un giorno triste per la Formula Uno. Nella notte è infatti arrivata la notizia della morte di Charlie Whiting, Race Director. Lo storico direttore di gara si è spento a causa di un’embolia polmonare proprio a Melbourne, in Australia, luogo della prima competizione.

Grande cordoglio da parte dei piloti e della FIA

Il primo a commentare l’annuncio è stato Jean Todt: “È con immensa tristezza che ho saputo della morte improvvisa di Charlie. Lo conoscevo da molti anni ed è stato un grande direttore di gara, una figura centrale e inimitabile della Formula 1 e che ha incarnato l’etica e lo spirito di questo fantastico sport. La Formula 1 ha perso un amico e un ambasciatore carismatico. I miei pensieri, quelli della FIA e di tutti i protagonisti del Mondiale vanno alla sua famiglia“.

Morte Whiting, i piloti: “È incredibile, è stata una figura iconica”

Alcuni piloti si sono accodati alle condoglianze pubbliche, visibilmente provati durante la conferenza stampa, tra cui Sebastian Vettel, Lewis Hamilton, Daniel Ricciardo, Max Verstappen e Robert Kubica. Il pilota di Maranello ha dichiarato: “Sconvolto per la morte di Whiting, sono accanto alla sua famiglia. Passeggiavo con lui qualche ora fa“. Mentre Ricciardo: “Pessima notizia con cui svegliarsi questa mattina. Come ha detto Seb, Whiting era sempre con noi anche quando gli mettevamo addosso pressione. Era sempre dalla nostra parte, anche quando si andava da lui per lamentarci. Sempre disponibile, non lo scorderò. Il tempo passa alla svelta e dobbiamo goderci ogni momento. Daremo di tutto in questo weekend anche per lui“.

Una foto di Charlie Whiting in pista