21 Mar 2019 | Aggiornato alle 18:36

F1, novità dall’Australia: un punto in più per chi fa il giro più veloce

Il bonus sarà valido per i piloti che si piazzeranno nelle prime dieci posizioni di gara

11 marzo 2019 11/03/2019

Il conto alla rovescia è ormai quasi giunto al termine: nel prossimo weekend inizia ufficialmente la stagione 2019 di Formula Uno con la gara in Australia. La Mercedes sarà ancora una volta la scuderia da battere con Lewis Hamilton pronto a fare il possibile per confermarsi ancora campione. Attenzione, però, alla Ferrari protagonista di diversi cambiamenti per dimostrare di poter dare del filo da torcere alle Frecce d’Argento e riportare a Maranello un titolo che manca da troppo tempo. A Melbourne le novità non mancheranno: il pilota che riuscirà a realizzare il giro più veloce nel corso del Gran Premio avrà diritto a un punto in più in classifica.

Una nuova regola in Formula Uno

A ogni inizio di stagione non manca mai tra appassionati e addetti ai lavori la voglia di vivere nuovamente l’adrenalina che si respira dentro e fuori i circuiti. Man mano che ci si avvicina alla partenza della prima gara cresce l’attesa di capire chi saranno i piloti che avranno la possibilità di competere per il titolo e che potranno rendere ancora più coinvolgente lo spettacolo.

Ormai periodicamente i protagonisti e gli appassionati si trovano ad avere a che fare con novità regolamentari che finiscono per fare storcere il naso ai più tradizionalisti. E non mancherà un cambiamento rilevante anche in questa annata che sta per prendere il via.

In base a quanto stabilito dal Consiglio Mondiale della FIA, il pilota che si metterà in evidenza per il giro più veloce nel corso del Gran Premio avrà diritto a un punto in più in graduatoria. La modifica sarà attesa sin da domenica a Melbourne. Si attende ora l’ok dalla F1 Commission per rendere operativa la norma all’interno del regolamento sportivo 2019.

Ecco chi avrà diritto al bonus

Per usufruire di questo importante, anche se minimo vantaggio in classifica, sarà però necessario che vengano rispettate alcuni elementi. Solo chi si piazzerà nella top ten al termine del Gran Premio avrà infatti diritto al punto in più.

Pit stop Ferrari (Foto: Wikipedia)

Si tratta di un vincolo non pensato a caso. Lo scopo è infatti quello di evitare che chi sia ormai certo di non avere alcun punto al termine della gara decida all’ultimo di effettuare un pit stop per montare un nuovo treno di gomme in grado di migliorare al massimo la prestazione con il serbatoio ormai quasi ridotto al minimo.

Non si tratta comunque di una novità regolamentare del tutto nuova. Già dal 1950 al 1959 era infatti in vigore una regola di questo tipo, poi eliminata.

 

Foto immagine in evidenza: Twitter