Formula Uno, Gran Premio Singapore: gli appuntamenti più emozionanti Chilometrando
21 Nov 2018 | Aggiornato alle 20:55

Formula Uno, Gran Premio Singapore: le edizioni più emozionanti

Il Circus approda a Marina Bay per la prima volta nel 2008 con tanto di polemiche: quattro i trionfi di Vettel

14 settembre 2018 14/09/2018
gran premio singapore

La Formula Uno nel weekend in arrivo arriva a Singapore, una tappa che potrebbe essere decisiva nell’assegnazione del titolo 2019. Mancano infatti sempre meno gare alla fine della stagione e ogni punto conquistato o perso può risultare determinante. Grazie alla vittoria ottenuta a Monza Lewis Hamilton è riuscito a consolidare il suo vantaggio rispetto a Sebastian Vettel, pari ora a 30 punti, ma le Ferrari non vogliono arrendersi fino a che la matematica non le condannerà. La scuderia di Maranello punta a gettarsi alle spalle quanto accaduto un anno fa, quando un chiacchieratissimo incidente al via aveva compromesso la gara sia del tedesco sia di Raikkonen.

Gran Premio Singapore: una gara che regala emozioni

Il Circus arrivò per la prima volta una decina di anni fa a Singapore, affiscinando il popolo dei motori con una inedito GP in notturna. Già nel 2008 le polemiche non mancarono: a salire sul gradino più alto del podio fu Fernando Alonso davanti a Rosberg e Hamilton. L’iberico ottenne il successo grazie ad un infelice e grottesco ordine di scuderia, che suggerì al suo compagno di team Nelson Piquet Jr. di schiantarsi lungo le barriere della pista per favorire l’ingresso della Safety Car e avvantaggiare il due volte campione del mondo. La verità venne a galla soltanto un anno dopo con conseguenze risolutissime per i dirigenti Renaul: uno su tutti Flavio Briatore, dapprima radiato, poi squalificato per cinque anni. La scuderia che vanta maggiori successi sulla pista di Marina Bay è la Red Bull, che ha trionfato per tre volte. Il pilota che invece si è imposto per il maggior numero di GP è Sebastian Vettel (4 trionfi – 2011, 2012, 2013 e 2015). Seguono Fernando Alonso e l’attuale campione del mondo Lewis Hamilton, a quota due. Il record in gara però è di Daniel Ricciardo con un crono di 1:47.187, messa a segno il 18 settembre 2016. Un record destinato a sgretolarsi in quest’annata.

Le vittorie di Vettel

Per tre anni consecutivi, come già detto, a trionfare è stato Sebastian Vettel. Alla prima occasione il tedesco è riuscito a dominare dal semaforo verde alla bandiera a scacchi senza che nessuno potesse infastidirlo. Regolò Jenson Button e Max Webber. Seb bissò l’anno successivo, pur non brillando in qualifica (a conquistare la pole fu Hamilton). Il britannico venne però fermato da un problema al cambio al giro 22 e l’allora pilota Red Bull non poté che approfittarne. Il talento del pilota teutonico viene ulteriormente confermato nel 2013 quando vince con 32 secondi su Alonso nonostante una Safety Car. L’ultimo trionfo di una rossa risale al 2015. Gara di sofferenza per le Mercedes (Hamilton si ritira, Rosberg solo quarto), mentre Vettel, nel frattempo passato alla Ferrari, si piazza al primo posto. Ottimo terzo posto per Raikkonen.

Ultima vittoria Ferrari a Singapore nel 2015 (Foto: Eurosport)

Cosa è accaduto un anno fa?

Toto Wolff, team principal Mercedes, ritiene la conformazione della pista di Marina Bay più adatta alla Ferrari, ma un anno fa non è andata esattamente così. A trionfare è stato infatti Lewis Hamilton ottenendo una vittoria che aveva portato a 102 lunghezze il vantaggio in classifica delle Frecce d’Argento rispetto alla Ferrari. A condizionare la corsa è stato però un incidente avvenuto poco dopo il via.  Sebastian Vettel, che era riuscito a partire dalla pole position, e Kimi Raikkonen si sono infatti scontrati con Max Vestappen: tutti e tre sono finiti fuori causa. Nessuna sanzione però ai danni dell’olandese.

 

L’incidente che ha coinvolto le due Ferrari e Verstappen a Singapore un anno fa (Foto: ANSA)

Foto immagine in evidenza: Circusf1.com