Gp Spagna F1, Arrivabene deluso: "Niente è andato per il verso giusto" Chilometrando
15 Aug 2018 | Aggiornato alle 22:40

Gp Spagna F1, Arrivabene deluso: “Niente è andato per il verso giusto”

Il quarto posto di Vettel e il ritiro di Raikkonen sono certamente un bottino troppo magro per la Ferrari

14 maggio 2018 14/05/2018
Arrivabene

La Ferrari non può che tornare con una sensazione di grande amarezza dalla trasferta spagnola. Dover assistere al trionfo di Lewis Hamilton, che ora vanta un primato con diciassette punti di vantaggio, e non riuscire ad andare oltre al quarto posto con Sebastian Vettel (oltre al ritiro di Kimi Raikkonen) non può che essere frustrante. La sensazione che la gara di Barcellona possa avere dato un’impronta quasi decisiva alla leadership della Mercedes è forte. La Ferrari non vuole comunque darsi per vinta: il team principal Maurizio Arrivabene non nasconde la delusione e vuole capire nel dettaglio cosa davvero non abbia funzionato.

Un bottino troppo magro

L’inizio di stagione aveva fatto ben sperare sulla possibilità di riportare a Maranello un titolo che manca dal 2007, ma le ultime due gare hanno messo i tifosi della Ferrari di fronte a una dura realtà: il gap con la Mercedes è ancora difficile da colmare. Con due vittorie in altrettanti Gran Premi Lewis Hamilton ha rimesso le cose a posto ed è tornato ad essere il pilota da battere.

In casa Ferrari il tempo della delusione deve però durare poco. È necessario capire quali siano i problemi che hanno impedito a entrambi i piloti di poter lottare per le prime posizioni e fare il possibile per rendere nuovamente competitive le due monoposto. Su questo è pienamente d’accordo il team principal Maurizio Arrivabene: “Sotto molti aspetti, questo è stato un weekend nel quale niente è andato per il verso giusto“.

La delusione di Vettel dopo il Gran Premio di Spagna (Foto: Automoto.it)

Concentrati per migliorare

La voglia di tornare a vincere e di ridare una soddisfazione che manca da troppo tempo a tutto il “popolo rosso” è però troppo forte per arrendersi ora.

Arrivabene è quindi pronto a rimettersi al lavoro per dare una risposta incisiva sin dalla prossima gara, in programma a Montecarlo: “Ora, con calma e in modo accurato, dovremo analizzare i motivi, tra loro diversi, che ci hanno impedito di esprimere il potenziale visto nelle altre gare. Poi ci prepareremo per il prossimo Gran Premio a Monaco, con professionalità, determinazione e fiducia”.

 

Foto immagine in evidenza: Thisisf1.com