Hamilton sempre pronto a nuove sfide: in pista contro Rossi a Tavullia

Il pilota britannico non ha mai nascosto la sua passione per le moto e ora vuole mettersi alla prova contro il nove volte campione del mondo

Lewis Hamilton ama mettersi costantemente alla prova ed è per questo che, nonostante i punti che lo separano in classifica dal leader Sebastian Vettel, non ha intenzione di mollare. Il britannico non si nasconde e vuole fare il possibile per conquistare il titolo mondiale. Il pilota Mercedes non vuole però limitarsi solo alle gare in pista, ma è pronto a qualcosa di diverso: una sfida a Valentino Rossi nel suo ranch a Tavullia. Una data ancora non c’è, ma il mese di dicembre quando sia la Formula Uno sia la MotoGp osserveranno un periodo di sosta prima della partenza della nuova stagione, potrebbe essere il periodo ideale.


Una passione per le moto mai nascosta

Ormai da diversi anni Lewis Hamilton è uno dei protagonisti più apprezzati della Formula Uno per la voglia di migliorare costantemente, ma più volte ha ribadito anche il suo amore per le due ruote, pur non avendo mai avuto la possibilità di mettersi alla prova a livello agonistico.

Una passione che ha iniziato a coltivare sin da qualche era un bambino: “Fin da piccolo ho sempre voluto guidare una moto. Quando mio padre portò il mio primo kart a casa, in realtà avrei preferito una moto” – ha detto ai microfoni di Channel 4, che l’ha raggiunto mentre sta trascorrendo un periodo di vacanza dividendosi tra spiaggia e allenamenti.

Già qualche mese fa, dopo la gara in Bahrain, si era ulteriormente sbilanciato: “Sicuramente proverò una MotoGp“.

Una nuova sfida da vincere

Hamilton ora vuole quindi mettere pienamente a frutto la sua passione con una sfida contro un avversario davvero molto particolare: Valentino Rossi. A rivelarlo è stato lui stesso: “Amo troppo le moto e andrò sicuramente a lottare con Rossi al Ranch per combattere nel dirt track – prosegue-. Poi proverò una MotoGP in qualche modo, ma senza competizioni perché non credo di essere in grado di lottare con le generazioni di diciassettenni e diciottenni“.

L’invito era stato lanciato proprio dal numero 46 lo scorso giugno: “Lewis può venire quando vuole – aveva detto Valentino -, doveva venire lo scorso dicembre ma poi non se n’è fatto nulla. Però per uno veloce come lui le porte sono sempre aperte“. Ora non resta quindi che attendere quel giorno: il divertimento è assicurato.

Aggiungi un commento