Michael Schumacher compie 48 anni: una vita di successi, record e vittorie

Il campione tedesco Michael Schumacher il 3 gennaio compirà 48 anni. Una carriera da invidiare e tanta felicità ed emozioni regalate ai suoi fan e alle persone più care

Sono già passati tre anni dal terribile incidente del campione Michael Schumacher, precisamente avvenuto nella pista di sci sulla neve di Meribel. Da allora solo tanta privacy e silenzio stampa per volere della sua famiglia e dei suoi cari. Ma nonostante ciò non abbiamo mai dimenticato i suoi successi, record, emozioni regalate a tutti noi ma soprattutto alla sua famiglia.

Il debutto

A soli quindici anni, Michael Schumacher venne contattato da Jürgen Dilk, un imprenditore residente nella zona dell’ex pilota di F1 che comprese subito le potenzialità del giovane Michael. Decise così di investire su di lui e sulla sua futura carriera lavorativa. La svolta decisiva avvenne nel 1991 quando Schumacher passò per 150.000 dollari dalla Mercedes alla Jordan.


Il manager del’ex pilota della F1, per garantire la sottoscrizione del contratto, disse che il giovane campione conosceva benissimo il circuito di Spa-Francorschamps. Per fortuna il giovane era Schumi che non deluse le sue aspettative: su quel circuito si svolse il Gran Premio del Belgio e Schumacher stupì tutti grazie al suo meraviglioso talento.

Fin da subito Michael Schumacher venne adocchiato da un bel po’ di agenti, tra questi Flavio Briatore, ai tempi direttore del team Benetton. Riuscì a ingaggiarlo nella sua scuderia sottoscrivendo un contratto con il campione tedesco. Tenacia, professionalità ma soprattutto tanta ambizione. Sono questi gli elementi che il campione tedesco ha sempre avuto con sé e che gli hanno permesso di guadagnare tanti successi. Un esempio? Le indimenticabili stagioni del 1992 e 1993 in cui terminò il campionato con il secondo posto in classifica.

Michael Schumacher passa ufficialmente alla Ferrari

Dopo aver finalmente vinto con costanza, determinazione ma soprattutto tanta passione, nel ’94 e nel ’95 due titoli mondiali, l’anno successivo (1996) passò alla scuderia Ferrari. Michael è sempre stato un campione non solo per i successi raggiunti durante la sua carriera lavorativa ma soprattutto perché ha dimostrato fin da subito che qualsiasi obiettivo può essere raggiunto, nonostante le difficoltà.

E per questa ragione, Schumi è anche un campione da record. Il primo è stato il passaggio alla Ferrari, uno dei progetti che ha sempre voluto realizzare, e l’altro (probabilmente uno dei più grandi) la vittoria di cinque volte consecutive del titolo mondiale, dal 2000 al 2004.

Non si può dimenticare la sua ultima gara terminata in quarta posizione avvenuta il 22 ottobre  2006 in Brasile (in cui fu Alonso a guadagnarsi il titolo mondiale), gara in cui mostrò il suo talento passando dall’ultimo posto al quarto, nonostante una gomma forata.

Michael Schumacher si ritira fino al 2010

Proprio in occasione della sua ultima gara dà l’annuncio del suo ritiro dalla F1, una scelta dettata da ragioni strettamente personali. Nel 2010 però stupisce tutti e il campione tedesco torna in pista, stavolta con la scuderia Mercedes GP Petronas. Michael gareggia per altri due anni prima di ritirarsi definitivamente nel 2012.

Il 2013 cambia la vita di Michael e di tutta la sua famiglia. Sono passati tre anni da quel terribile evento, ma sappiamo bene che Schumi saprà dimostrare quanto vale anche al di fuori delle monoposto, forte contro il nemico più temibile che ci possa essere, la morte. Il 3 gennaio compirà 48 anni, anni di soddisfazioni, sofferenza, gratificazioni. Comunque vada, per noi fans resterà sempre il campione indiscusso che tutti amiamo. 

Buon compleanno grande Schumi! 





Aggiungi un commento