MotoGp, Jarvis soddisfatto: "Bene Rossi-Viñales, ma bisogna evitare errori"

Il managing director della Yamaha è soddisfatto del rendimento tenuto dai due piloti in questa prima parte della stagione e punta a lottare per il titolo fino alla fine

Si è ormai conclusa la prima parte della stagione della MotoGp, che tornerà in pista a partire dal primo weekend di agosto ed è quindi possibile già fare un primo bilancio. Mai come ora la lotta per il titolo è aperta e ulteriori sorprese nelle prossime gare non possono essere escluse. Tra i team più soddisfatti c’è certamente la Yamaha: Valentino Rossi ha dimostrato ancora una volta di non avere niente da invidiare ai colleghi più giovani, mentre Maverick Viñales ha stupito tutti per la sicurezza con cui si presenta in ogni circuito senza temere chi ha più esperienza. Questo ha certamente soddisfatto Lin Jarvis, managing director della scuderia, che invita però a limitare gli errori al minimo per non compromettere quanto fatto finora.

Il Mondiale è apertissimo

In questa prima parte della stagione, la Yamaha è riuscita a mettersi in mostra con diverse buone prestazioni dei suoi piloti, Viñales e Rossi. Il giovane spagnolo nelle prime gare ha guidato la classifica, mentre ora le distanze tra i vari piloti sono ancora decisamente ridotte e tutto può ancora accadere.

Questo non può quindi che rendere soddisfatto Lin Jarvis, managing director della scuderia giapponese: Siamo avanti nel campionato costruttori e nella classifica a squadre. I nostri due piloti sono tra i primi quattro della classifica piloti. Questa stagione è incredibilmente stretto. A mio parere si tratta di una stagione molto insolita” – ha detto a MotoGp.com.

In una prima fase sembrava che il favorito per il titolo potesse essere Viñales, ma la situazione è parzialmente cambiata negli ultimi appuntamenti del Motomondiale e questo rende difficile poter fare pronostici: “Maverick ha iniziato bene la stagione – è il pensiero di Jarvis –. Ha vinto le prime due gare, è seguito una piccola pausa, ma a Le Mans ha vinto di nuovo. Con tre vittorie nel 2017 ha vinto più gare di tutti gli altri piloti della MotoGp”.

Rossi non è certamente una sorpresa

Non potevano mancare da parte di Jarvis i complimenti a Valentino Rossi, che sta dimostrando di non avere certamente perso lo smalto dei tempi migliori. Il “Dottore” ha stabilito l’ennesimo record: grazie alla vittoria conquistata ad Assen, la decima ottenuta in carriera sulla pista olandese, è il pilota più anziano ad avere vinto una gara in MotoGp.

Il sogno di laurearsi campione del mondo per la decima volta è ancora possibile, anche se sarà fondamentale non commettere errori da qui alla fine della stagione: “Quella di Assen è stata una vittoria sensazionale in condizioni molto difficili – prosegue Jarvis -. Quindi direi che entrambi i piloti sono in gran forma. Dovremo sviluppare la moto e spingere per vincere, ma abbiamo anche bisogno di evitare errori. Si è parlato molto del nostro telaio, perché abbiamo iniziato la stagione con un nuovo telaio 2017, ma abbiamo vissuto situazioni inaspettate. Ecco perché abbiamo di nuovo cambiato alcune cose. Ma abbiamo anche vinto quattro gare, quindi la nostra moto è molto buona. Si tratta di sfumature nella combinazione di setting, gomme, pilota e pista. Questa combinazione deve essere perfetta in tutto il mondo. Questo significa che dobbiamo lavorare su ogni dettaglio” – ha concluso.

Aggiungi un commento