L’ambito tasse in Italia sta diventando un tasto sempre più delicato per tutti, portando a valutare ogni singola spesa. Tra le più revisionate dalle famiglie troviamo l’automobile, che si presenta come una fonte continua di spese tra assicurazione, revisione, manutenzione, ecc… Spese che stanno anche intaccando il mercato dell’auto stessa, che vive da ormai una decina d’anni fasi altalenanti. A tal proposito lo Stato, per agevolare l’acquisto di auto nuove, ha garantito sgravi fiscali per determinate categorie sociali.

Sgravi parziali per disabili e tutori

Per persone con disabilità, o per chi ha disabili a carico, la legge 104 garantisce uno sgravio dell’Irpef del 19% del costo del veicolo, legge che pero è valida per veicoli che rientrano entro i 18.075,99 euro.

Lo sgravio è garantito però solo una volta e per solo un’auto nell’arco di un quadriennio, il quale viene conteggiato dal giorno d’acquisto del veicolo. Nel caso invece di veicolo intestato al parente disabile questo deve essere fisicamente ed economicamente a vostro carico, per usufruire della detrazione.

Sgravi fiscali per i disabili (Foto:notizieora.it)

Sgravi anche per partite IVA ed aziende

Allo stesso modo dei portatori di handicap, le aziende e i liberi professionisti (titolari di partita IVA) possono contare su ampi sgravi fiscali. Le varie modalità di sgravi dell’IVA e delle spese dipendono dalla caratteristiche e dall’utilizzo che viene fatto dei veicoli. I privilegi fiscali va detto però che sono disponibili solo se i veicoli vengono immatricolati come autocarri per usi aziendali, se poi questi non vengono utilizzati dai dipendenti e pesano meno di 35 quintali possono usufruire del 40% di sgravio sull’IVA. Se poi il seguente veicolo viene utilizzato per l’attività d’impresa o professionale l’IVA è detratta del 100% e avere un ammortamento del 20% sul costo del veicolo. In caso di veicoli affidati ai dipendenti (sempre sotto i 35 quintali) questi godono del 100% di sgravio dell’IVA e un ammortamento del costo d’acquisto intorno al 70%. I veicoli che invece supereranno i 35 quintali non avranno uno sgravio sul costo d’acquisto ma una detrazione ,anche in questo caso, del 100% dell’IVA. Agenti e rappresentanti appartengono poi a un’altra categoria, infatti potranno contare su uno sgravio del 100% dell’IVA e una deducibilità del corso questi deducono l’80% del massimale.

Sgravi fiscali per le aziende (Foto:auto)