Lancia Delta Integrale, il mito ritorna in 20 esemplari con la nuova Futurista

Il mito della Lancia Delta Integrale ritorna, fedele alla tradizione ma non per tutti. Si chiama Futurista e rinasce a Torino come fedele rifacimento di quella vecchia gloria del rally che ha fatto innamorare così tanti appassionati da 30 anni a questa parte.

Lancia Delta Integrale, il mito ritorna in 20 esemplari con la nuova Futurista

Credits: Gearpatrol.com

L’idea

Uno dei simboli più riconosciuti in Italia e nel mondo da parte di chi naviga un po’ il settore dell’automobilismo sta per tornare alla luce a tre decenni di distanza da quando cominciava a sbaragliare gli avversari al Campionato del Mondo e all’Europeo del Rally. La Lancia Delta Integrale, oggetto di culto oramai, sta per “rinascere” grazie al progetto di un pilota e collezionista d’auto italiano.

Accenniamo in questi termini a Eugenio Amos, fondatore della Automobili Amos che, fra le altre cose, ha una malcelata passione per il Deltone. E lo dimostra proprio la sua idea: far rinascere la Delta realizzandone 20 esemplari da mettere in vendita con un proprio nome ciascuno, più uno per sé. D’altronde non dimentichiamoci che Amos è pur sempre un collezionista.

Lancia Delta Integrale, il mito ritorna in 20 esemplari con la nuova Futurista

Credits: Automoto.it

“Futurista” ma non troppo

Il progetto è tutto made in Italy, naturalmente, ed è riassumibile nei punti che seguono. Quella che si chiamerà Lancia Delta Futurista by Automobili Amos sarà realizzata in collaborazione con lo studio milanese di design BorromeodeSilva e sarà particolarmente coerente con lo stile dell’originale. Questo vuol dire che la base, la scocca, è la medesima ma verrà lavorata con processi e componenti moderni utili a renderla più leggera e a migliorarne le prestazioni. Portellone posteriore, cofano motore, minigonne e paraurti tutti in carbonio, cerchi e interni tutti nuovi sono un assaggio dell’estetica della Futurista.

Lancia Delta Integrale, il mito ritorna in 20 esemplari con la nuova Futurista

Credits: Automoto.it

Sotto al cofano il motore sarà aggiornato con una componentistica moderna che, secondo quanto emerso, dovrebbe arrivare a sviluppare più di 300 cavalli. A supporto del tutto, un’architettura delle sospensioni modificata, ammortizzatori a controllo elettronico e rinforzi del telaio derivati da quelli usati per le Gruppo A.

Insomma secondo le indiscrezioni di carne al fuoco ce n’è parecchia e considerando il prezzo di vendita previsto, fra i 50 e i 100 mila euro, non risulta poi troppo proibitivo dal momento che non si discosta di molto dall’attuale quota prezzi di alcune delle Lancia Delta più rare.

Lancia Delta Integrale, il mito ritorna in 20 esemplari con la nuova Futurista

Credits: Automoto.it