sesso in auto

Il momento delle effusioni con la persona amata non sempre può avvenire tra le mura domestiche e, in questo caso, viene quasi sempre scelto come nido d’amore in cui lasciarsi andare alla passione proprio l’automobile. Non tutti sanno però che un comportamento di questo tipo non è affatto esente da conseguenze. Dalle ammende pecuniarie al carcere, sono diversi i casi in cui è possibile essere sanzionati per questo motivo.

La passione (in auto) può costare cara

Il sesso in auto per quanto eccitante (e scomodo) possa risultare, può essere punito pesantemente e diventare davvero indimenticabile, soprattutto per il proprio portafoglio.

A stabilirlo è l‘articolo 527 del codice penale, in cui vengono indicate le multe previste in questi casi. Si può essere infatti “soggetti alla sanzione amministrativa pecuniaria da euro 5.000 a euro 30.000”, prevista per entrambe le persone coinvolte. L’entità dell’importo può variare a seconda della gravità della situazione: se dovesse essere scelto un posto isolato è più facile che la cifra da saldare possa essere vicina al minimo previsto.

Il luogo in cui si viene sorpresi fa la differenza

A partire dal 2016, anno in cui è stata approvata la depenalizzazione degli atti osceni il rischio di finire in carcere per essere stati sorpresi a fare sesso nella propria vettura è quasi scomparso, ma non è comunque da escludere. È infatti prevista la reclusione da quattro mesi a quattro anni e sei mesi se questo dovesse succedere nelle vicinanze di zone che sono frequentate da minori, come le scuole o gli asili, e soprattutto se c’è il rischio che questi possano inavvertitamente assistere alle effusioni. I luoghi in cui si viene sorpresi ad aver un rapporto sessuale con il proprio partner in auto sembrano dunque fare la differenza.

In questi casi, si può essere anche soggetti a sanzione pecuniaria da 51 a 309 euro.

Foto: Pixabay