La tendenza verso una riduzione delle emissioni di CO2 e dei consumi è percorsa da tempo da tutte le case automobilistiche anche con i modelli più accessibili adatti a circolare nel traffico cittadino. Ora però si vuole fare di più e tra le realtà in prima linea in questo ambito c’è Volkswagen, intenzionata a raggiungere l’obiettivo ambizioso delle zero emissioni entro il 2050.

La strada verso la sostenibilità

Quando ci si appresta a scegliere una nuova auto gli elementi da prendere in considerazione sono diversi, non solo il costo e l’estetica della vettura, ma anche i consumi e le emissioni garantite dalla casa automobilistica.

Ormai da qualche tempo anche per queste caratteristiche la scelta è diventata più ampia, a conferma dell’attenzione mostrata da tutte le aziende del settore nei confronti dell’ambiente che ci circonda.

Volkswagen è intenzionata ad arrivare ad una produzione a zero emissioni di CO2 entro il 2050.

Il percorso che sarà messo in atto sarà comunque graduale: si partirà così con un maggior utilizzo di energia green già a partire dall’anno che è da poco iniziato. Attualmente sono 16 gli stabilimenti della casa tedesca presenti nel mondo (ad eccezione della Cina), in cui l’energia usata proviene già al 70% da fonti rinnovabili, ma entro i prossimi mesi e la fine dell’anno la casa automobilistica punta ad arrivare al 90%.

Il percorso sarebbe già iniziato e coinvolgerebbe anche gli impianti interni di produzione di energia che starebbero già subendo una transizione al gas naturale.

Wolsburg farà da pioniere

Nello stabilimento di Wolfsburg, uno dei più grandi impianti di produzione al mondo, si è deciso di fare ancora di più. Entro il 2022 l’obiettivo è quello di passare a centrali termoelettriche a ciclo combinato (CCGT) ad alta efficienza in modo da ridurre le emissioni del 60%.

La svolta ecosostenibile di casa Volkswagen dovrebbe evidenziarsi già a partire da quest’anno, dal fatto che la casa automobilistica si prefigge di mettere sul mercato più modelli ibridi ed elettrici e di arrivare a un numero elevato di veicoli elettrici già entro il 2023.

 

Foto: Pixabay