manutenzione-macchina

C’è qualcuno che non odia portare la macchina dal meccanico? Penso che sia impossibile. Quanto sono odiose le riparazioni?! Costano moltissimo sia in termini di tempo che di denaro. Denaro che, per esempio, gli appassionati potrebbero spendere nel tuning della loro macchina: per migliorarla anziché per aggiustarla! Sembrerà banale, ma il modo migliore per dare un taglio alle spese di riparazione della vostra auto è quello di prevenire i danni e i malfunzionamenti, anche quelli più piccoli.

Secondo i dati forniti dall’Aci, nel corso del 2008 si sono registrati 1.076 incidenti stradali causati direttamente od indirettamente da difetti o avarie della vettura come rottura dei freni, eccessivo consumo degli pneumatici, guasti allo sterzo e cattivo funzionamento dei fari.

Di regola, si usano effettuare due controlli nel corso dell’anno, sia prima dell’inizio delle vacanze estive, dove solitamente si percorrono più chilometri, che prima dell’inizio della stagione invernale, quando l’auto sarà sottoposta a maggiori problemi.

Ecco perché abbiamo raccolto 11 semplici trucchi per mantenere la vostra auto in ottimo stato, nonostante il tempo che passa. La chiamano “manutenzione preventiva” mica per niente! Si tratta per lo più di piccoli consigli che però spesso molte persone non conoscono… e tu quanto sei esperto di manutenzione dell’auto?

1) Controlla i liquidi

Controllare frequentemente i livelli di olio e acqua della vostra macchina è una buona pratica. È particolarmente importante per i motori turbocompressi e rotativi. Ma non trascurate gli altri fluidi, come il liquido dei freni e il servosterzo. Se veramente volete far felice il vostro motore, pensate di cambiare l’olio e i filtri molto più di quanto raccomandato: il che significa, soprattutto per le auto tuning, ogni 5000 chilometri o poco più. Molte auto, inoltre, richiedono uno specifico filtro per l’olio, perché montano una valvola di non ritorno (o di ritegno, valvola che alcun filtri economici non hanno) che aiuta l’olio a circolare il più in fretta possibile dopo l’accensione.
Inoltre, considerate che se il liquido di raffreddamento ha sempre bisogno di essere rabboccato, significa che c’è qualcosa che deve essere riparato perché i sistemi di raffreddamento sono sigillati e non dovrebbero avere perdite di acqua.
Allo stesso modo, se vi trovate ad usare sempre più olio ogni volta che effettuate un rabbocco, potreste star facendo più male che bene al vostro motore: fatelo controllare.

Fonte: Shutterstock

2) Non rispettare i tempi indicati sul manuale

Avrete capito che per le auto molto usate e per quelle modificate il controllo regolare dell’olio e dei filtri è fondamentale. Ma non solo quelli: cinghia, candele, olio della trasmissione e liquido dei freni vanno controllati e cambiati con una frequenza anche maggiore di quanto consigliato nel manuale. Se usate molto la macchina, vanno cambiati anche allo scadere della metà del tempo indicato.

Fonte: Shutterstock

3) Vietato fare gli struzzi

Affrontate i problemi, anche quelli minori, nel più breve tempo possibile. Ogni problema, per quanto piccolo, non scomparirà magicamente ma diventerà sempre più grande. Una ruota che fa casino si trasformerà in una ruota buca prima di quanto pensiate. Una perdita d’olio può facilmente trasformarsi in un motore esausto e un misuratore della temperatura difettoso può nascondere un motore surriscaldato, che significherà un disastro per la vostra auto e per il vostro portafogli. Prevenire è meglio che curare.

Fonte: Shutterstock

4) Prenditela comoda

Un guasto molto comune si produce accendendo la macchina prima che il motore abbia raggiunto la sua temperatura ottimale. Come comportarsi a macchina appena avviata? In questa fase adottate la famosa guida da crociera: niente accelerazioni improvvise finché il misuratore della temperatura dell’acqua (e dell’olio, se ne avete uno) raggiunge lo standard di sicurezza. È molto importante utilizzare l’automobile con questi parametri nella norma, se non lo sono: dateci un controllo.

Fonte: Shutterstock

5) Pneumatici

Date un occhio alla pressione dei pneumatici: se è troppo bassa o troppo alta, si usureranno più velocemente. A una prima occhiata, inoltre, possono sembrare a posto, ma controllare sempre la parte interna perché è facile – soprattutto se la vostra auto è molto bassa e le gomme sono molto larghe – che se ne sia usurato un solo lato. Ciò che conta, comunque, non è la pressione: è probabile che impostare erroneamente la geometria delle sospensioni porti a usurare gli pneumatici perciò, se non sapete come regolarvi da soli, fategli dare un occhio dal vostro meccanico. Ignorare questo problema per fare percorrere ai vostri pneumatici altri 200 chilometri può essere una falsa economia.

Fonte: Shutterstock

6) Niente serbatoio vuoto

Confessatelo: la tentazione di partire senza fare rifornimento anche quando siete ormai in riserva è sempre forte. Ma dovete sapere che viaggiare con il serbatoio sempre in rosso, rende molto più facile per sporcizia e ruggine depositarsi sul fondo della vasca ed essere risucchiate dalla pompa del carburante, rovinando la pompa stessa, il filtro e, se siete sfortunati, entrare nel motore.

7) Attenzione alla benzina

Se la vostra auto è tuning o è uscita dal concessionario con un motore che è impostato per funzionare solo con Super senza piombo, non è il caso di fare gli spensierati e fingere che anche l’altra benzina vada bene. Mettere benzina normale in un’auto che è stata creata per funzionare con la Super significa comprometterne le prestazioni e, soprattutto, aumentare la possibilità di una detonazione che distruggerà il motore.
Questa norma diventa di primaria importanza per le auto importate dal Giappone, perché sono state progettate per funzionare con un carburante ad alto numero di ottani. Se proprio non avete a disposizione della Super, mettete la senza piombo normale ma guidate con attenzione, senza accelerare, fino a quando non riuscite a fare un pieno con la Super.

Fonte: Shutterstock

8) Basta con quella frizione!

Non usare la frizione più a lungo del necessario. Tenere la macchina in tensione per un certo periodo di tempo, piuttosto che usare il freno a mano, accelererà l’usura della vostra frizione più di quanto possiate immaginare. Vale lo stesso discorso per tutte le volte che avete costeggiato il marciapiede con la frizione schiacciata o quando siete al semaforo e premete su quel maledetto pedale: state rovinando il cuscinetto! Non fatelo ragazzi.

Fonte: Shutterstock

9) Ma voi non vi lavate?!

Tenete la vostra auto pulita. Può essere un consiglio molto ovvio, ma è anche un consiglio che si mette in pratica molto poco. E non pensate nemmeno di andare a un lavaggio! Una buona strofinata è più che sufficiente per pulire la vostra auto soprattutto dai maledetti regali degli uccelli: le loro feci sono acide e, a lungo andare, rovinano la vostra carrozzeria. Ricordate inoltre di rimuovere fango e altri residui dai passaruota, soprattutto se la vostra auto è particolarmente soggetta a sviluppare ruggine in quel punto. Infine, non fidatevi troppo del lavaggio a pressione perché ci sono luoghi in cui l’acqua non deve andare ed è meglio non esporsi al pericolo di fare un casino.

Fonte: Shutterstock

10) Attenzione all’auto di seconda mano

Il fatto che il precedente proprietario abbia cambiato l’olio regolarmente, non significa che facesse caso agli altri liquidi allo stesso modo. Antigelo e liquido dei freni sono elementi vitali che sono spesso vengono trascurati, quindi dare una controllata ai sistemi idraulici e di frenata è sempre un’ottima idea, facendo particolare attenzione al radiatore, perché lì spesso nel corso degli anni si accumula il limo, che impedisce al motore di lavorare correttamente.

Fonte: Shutterstock

Ti è piaciuto questo articolo? Condividilo su Facebook!