In questo articolo vi mostreremo come pulire la vostra auto utilizzando esclusivamente prodotti naturali e, quindi, limitando i costi che potrebbero derivare dall’acquisto di prodotti specifici. La guida intende mostrare come sia possibile ripulire tanto gli interni quanto la carrozzeria senza ricorrere a chissà quale sgrassatore o sulla base di chissà quale esperienza.

Il punto focale di una pratica di questo tipo è sicuramente l’olio di gomito. Chi ha volontà, tempo e piacere di lavare avrà un effetto assicurato pur senza spendere esose cifre di denaro.

Un preambolo: siccome prevenire è meglio che curare, è buona norma evitare di insozzare eccesivamente l’auto, perlomeno nell’abitacolo. A tal proposito il consiglio è quello di tenere la vettura sempre munita di sacchetti per il mal d’auto, una zona o un contenitore con degli spiccioli dentro per agevolare il passaggio ai caselli e, nel sottocruscotto, un piccolo dispenser di salviettine inumidite.

Se infine volete un “rimedio della nonna” per arginare lo sporco nella zona più polverosa dell’auto, consigliamo di disporre degli stracci puliti o dei piccoli asciugamani di feltro sul fondo degli spazi portabottiglie ai lati. Evitano l’accumulo di polveri e riparano dai graffi di tutti gli oggetti che vi cadono.

Vediamo adesso, nel dettaglio, come pulire l’auto con prodotti naturali nella pagina successiva:

1) L’abitacolo

La prima cosa da fare per pulire gli interni consiste nel rimuovere ogni oggetto solido dall’abitacolo, che sia un residuo, un rifiuto o spazzatura. Occorre poi preparare una soluzione per igienizzare i sedili in stoffa, per farlo mescolate sei cucchiai di sapone grattuggiato con due cucchiai di borace e due tazze di acqua bollente. Una volta che il composto si sia raffreddato dategli un’altra ed energica strapazzata per ottenerne una schiuma: applicate questa ad una spatola per strofinare la superficie dei sedili, seguite da una o più mani di straccio bagnato per risciacquare.

2) Attenzione ai sedili in pelle

Se la vostra auto è munita di sedili in pelle, occorre modificare la soluzione del composto. Come detergente possiamo miscelare una tazza di aceto bianco con una parte identica di acqua calda e 6 gocce dell’olio essenziale che preferite: menta, arancia, mandorla o vaniglia. Applicate quindi questo liquido con un panno morbido; in questo caso non è necessario risciacquare. L’alternativa è creare una miscela ammorbidente con mezza tazza di olio di oliva con quattro cucchiai di aceto bianco e quattro cucchiai di un infuso di erbe concentrato a piacere – reperibile in erboristeria o parafarmacia -. Quest’ultimo liquido nutre e ringiovanisce la pelle, ammorbidendola.

3) Gli elementi

Come pulire parabrezza, finestrini e specchietti? Procuratevi dei vecchi stracci e riempite un secchio con acqua abbondante, aggiungendo in questo due tazze di alcol etilico ed una di bicarbonato. Mescolate e poi, intingendo i panni nella soluzione, ripassate con energia gli stracci umidi insistendo su macchie e aloni. Se gli umori persistono usate una spugna oppure poggiatevi un po’ di bicarbonato con qualche goccia d’acqua per far “evaporare lo sporco”.

4) Un trucco del mestiere

Sempre per quanto riguarda gli aloni, è possibile riprodurre un vero e proprio scioglimacchia con ingredienti totalmente naturali. In questo caso però vi servirà un nebulizzatore spray vuoto, nel quale inserire due tazze di acqua distillate, mezzo bicchiere di aceto bianco e quattro cucchiai di alcol etilico. Di qui è poi sufficiente spruzzare sulle macchie e poi darci di straccio umido, prima, di secco poi.

5) Gomme e pneumatici

Che sia pioggia acida o un viaggio in zone paludose, sulle gomme e sui cerchioni possono accumularsi tracce di sporco pesante. Pulirle non è solo un bisogno estetico ma anche strutturale: lasciare che le macchie si solidifichino può rovinare irrimediabilmente le superfici, meglio quindi correre ai ripari. Riempite allora un secchio di acqua calda, versandoci due bicchieri di aceto bianco. Di chi aiutarsi con una schiuma per detergere le macchie, passando poi un panno secco per rimuovere i residui.

6) Il cruscotto

Per igienizzare il cruscotto versate mezza tazza di aceto bianco, un succo di limone e mezzo cucchiaino di olio d’oliva in un contenitore spray. Rabboccare con acqua calda e poi agitate, quindi spruzzate e ripulite con panno umido. Si tratta in questo caso di una miscela che non solo pulirà le superfici interne e plastiche dell’auto, ma le doterà di un profumo buono e fresco. L’olio di oliva dona una certa lucidatura.

Ti è piaciuto l’articolo? Allora condividilo su Facebook!