vettel-vicino-ritiro-prima-di-ingaggio-aston-martin-racing-point

Nella conferenza dei piloti di ieri, Sebastian Vettel ha parlato del suo accordo con la futura Aston Martin (ora Racing Point) rivelando di aver pensato anche al ritiro dalla Formula Uno. Alle parole del campione tedesco ancora per poco in Ferrari, si aggiungono quelle di Sergio Perez, informato solo mercoledì che sarebbe stato sostituito da Vettel.

Vettel e il pensiero del ritiro prima dell’approdo in Aston Martin

Sebastian Vettel durante la conferenza dei piloti di ieri è stato il vero protagonista.

Charles Leclerc ha parlato brevemente delle sue condizioni dopo l’incidente di Monza, rassicurando tutti sul fatto di star bene, cosa peraltro sancita anche dal “fit” dei medici arrivato 3 giorni fa.

Come si legge su Motorsport.com, il campione tedesco, fresco dell’annuncio dell’ingaggio in Aston Martin dal 2021, ha risposto alle domande dei giornalisti presenti e ha anche svelato di aver preso in considerazione l’idea di ritirarsi dalla Formula Uno, dopo la notizia del suo “divorzio” dalla Ferrari a partire dal 2021: “Ci sono stato vicino.

Vicino in termini di avere dei pensieri in questo senso, poi ho capito che per me al primo posto c’è ancora la voglia di correre, e non vedo l’ora di dimostrarlo“. Il campione ha poi chiarito sul suo ingaggio: “Mi sono chiesto quale fosse la cosa migliore da fare, poi tutto è maturato abbastanza velocemente. Sono contento che ora la notizia sia pubblica, così non mi verranno più poste domande sul futuro, e… che dire? Sono entusiasta“.

Riguardo alla sua esperienza in Ferrari il pilota ha ammesso: “Mi sono unito alla Ferrari non solo per esserne parte, ma anche per vincere campionati. Non solo vincere gare ma vincere Mondiali e vincerli nel modo giusto, ed ovviamente a questo proposito si può dire che abbiamo fallito. Non abbiamo vinto Mondiali, ma abbiamo avuto bei momenti“.

Sergio Perez avvisato solo mercoledì

L’attuale pilota Racing Point che l’anno prossimo verrà soppiantato da Sebastian Vettel ha parlato durante la conferenza piloti di ieri di quello che è successo nella scuderia che l’anno prossimo diventerà Aston Martin: “Ho ricevuto ieri (mercoledì, ndr) una chiamata da Lawrence (Stroll). Mi ha detto che stanno andando in una direzione diversa“. Poi, ha chiarito: “In sostanza, solo ieri (mercoledì, ndr) ho avuto la conferma. Nessuno mi ha detto niente in precedenza, ma mi ero fatto un’idea e avevo colto un paio di cose. Comunque la conferma finale è arrivata ieri. È così, dopo sette anni con la squadra… tutto ha un inizio ed una fine“. Il pilota ha comunque chiarito di non essere rimasto deluso da questo comportamento perché “fa tutto parte del pazzo mondo chiamato Formula Uno” e sul suo futuro ha affermato: “Il mio obiettivo principale è rimanere in F1, sento di essere ancora molto giovane e motivato e vorrei andare avanti qui“.

Foto in alto: Shutterstock