vettel-frustrazione-dopo-portimao

La stagione di Formula Uno volge al termine con Lewis Hamilton ormai sempre più vicino al settimo titolo della sua carriera, mentre in casa Ferrari sono stati decisamente pochi i momenti incoraggianti. La vettura di Maranello non ha ridotto il gap con le Frecce d’Argento, ma in molte occasioni ha mostrato di non essere in grado di reggere il ritmo anche rispetto ad avversarie meno pericolose “sulla carta”. Qualche segnale incoraggiante è arrivato solo da Charles Leclerc, che rappresenta il futuro del team italiano, forte di un contratto fino al 2024.

Alla situazione del monegasco fa però da contraltare quella di Sebastian Vettel, che non è riuscito a essere competitivo nemmeno a Portimao.

La frustrazione di Vettel

Chi sa cosa significhi laurearsi più di una volta campione del mondo non può che provare un forte senso di impotenza nell’essere chiamato a guidare una vettura che non si sta rivelando competitiva.

Uno stato d’animo che corrisponde appieno a quanto sta vivendo Sebastian Vettel, che a fine stagione lascerà la Ferrari per trasferirsi all’Aston Martin.

La gara disputata in Portogallo ha rappresentato un’altra fase deludente di questa annata per il numero cinque, che sta provando a fare il possibile per migliorare il rendimento di questa monoposto, ma senza riuscirci. Anzi, proprio i risultati che sta ottenendo il compagno di squadra Charles Leclerc rendono tutto più amaro. Il numero cinque non ha mancato di sottolinearlo al termine del Gran Premio, manifestando la sua frustrazione ai microfoni dell’emettente tedesca RTL, come riporta Formula Passion: “Non sono felice per aver preso un punto. Non sono qui per un solo punto“.

Seb rende omaggio a Hamilton

Il più soddisfatto dal Gran Premio del Portogallo è certamente Lewis Hamilton, che ha ottenuto la sua 92esima vittoria in carriera, superando il record di Schumacher. Pur essendo stati a lungo rivali, Sebastian Vettel non esita a complimentarsi con il pilota della Mercedes, che potrà scrivere altre pagine importanti di questo sport: “Ho detto a Lewis prima della gara di prendersi la 92esima vittoria. Ci è riuscito e gli faccio i complimenti. Non c’è mai abbastanza riconoscimento – ha puntualizzato ancora Vettel – anche quando la gente dice che è facile fare questo con quella macchina. Ma per farlo bisogna avere questo tipo di costanza nel corso degli anni” – ha concluso il tedesco.

Leggi anche:

Botta e risposta Vettel-Binotto dopo Portimao

Leclerc spinge la SF1000: il risultato è incoraggiante

Gp Portogallo, Lewis Hamilton leggendario: batte il record di vittorie di Schumacher

Foto in alto: Shutterstock