hamilton messi laureus

Si è svolta ieri a Berlino la cerimonia di premiazione dei Laureus World Sports Awards. Al vaglio della commissione giudicante tutti gli sportivi che si sono distinti nel corso dell’anno 2019 in qualsiasi disciplina.

Infatti, questa manifestazione nasce per premiare lo sport in generale e chi ne è campione, mettendo insieme competizioni diverse. I premi Laureus vennero istituiti nel 1999 e, da allora, hanno omaggiato i più importanti atleti del mondo.

In questa ventesima edizione, però c’è stato un colpo di scena. Per la prima volta nella storia dei Laureus World Sports Awards, il titolo di miglior sportivo dell’anno è andato a pari-merito a due atleti unici: Hamilton e Messi.

Le dichiarazioni di Hamilton

Lewis Hamilton e Lionel Messi hanno messo, per la prima volta, in difficoltà la giuria dei Laureus World Sports Awards, che non ha saputo decidere a chi assegnare il premio di “Miglior Sportivo dell’anno” tra i due.

D’altronde Hamilton è stato per ben sei volte Campione di Formula 1, mentre Messi sei volte Giocatore dell’anno per la Fifa. I loro impressionanti traguardi sono ineguagliabili.

Hamilton, presente a ritirare il premio Laureus, si è detto onorato del paragone: “Condividere questo premio con l’altra persona, che ancora non nominiamo, è un grandissimo onore per me“. Inoltre, come riportato dal giornale Mirror, Hamilton avrebbe voluto conoscere Messi: “Vorrei che Lionel fosse qui, così avrei avuto l’opportunità di conoscerlo. Se fosse stato qui, gli avrei chiesto una foto“.

Parole di ringraziamento anche per la Mercedes: Voglio ringraziare tantissimo la Mercedes Benz che mi ha sempre fornito un sostegno eccezionale. Mi hanno messo sotto contratto quando avevo tredici anni”. Ed ancora: “Sono davvero molto grato per il fatto che abbiano concesso a un bimbo di tredici anni, l’opportunità di vivere il suo sogno“.

Laureus Awards 2020: gli altri premi

I premi Laureus sono supportati dal lavoro solidale di una fondazione benefica, la Laureus Sport for Good, ispirata addirittura da Nelson Mandela. Durante la serata altri premi sono stati assegnati.

La migliore sportiva dell’anno è di nuovo Simone Biles, mentre il premio per il miglior team è andato al Sudafrica di Rugby. Sophia Floersch, la diciottenne sportiva di Formula 3, ha ricevuto il premio per il miglior Ritorno, vista la sua esperienza traumatica dello scorso anno, con il serio incidente subito. Oksana Masters è invece il miglior atleta con disabilità.

Foto in alto: Instagram Lionel Messi