Un momento davvero emozionante, che non ha potuto non scatenare emozioni in tutti gli appassionati di motori, ma che lascia anche ben sperare per il futuro. È un po’ questa la sintesi della giornata che ha vissuto ieri Mick Schumacher, che per la prima volta ha avuto la possibilità di guidare la nuova SF90 in occasione dei test in Bahrain e di mettersi alla prova su una vettura di Formula Uno.

Al termine della sessione, a cui ha assistito anche mamma Corinna, il giovane non ha nascosto di essersi davvero divertito.

Un nuovo Schumacher fa sognare

Michael Schumacher è stato certamente uno dei piloti più amati nella storia della Formula Uno, non solo per i tanti successi conquistati (ben sette titoli), ma anche per la determinazione e il rispetto nei confronti degli avversari che non sono mai mancati. L’idea di poter avere il suo erede in pista non può quindi che generare un moto di commozione, sin da quando il giovane Mick è entrato a far parte della Ferrari Driver Academy.

Nella giornata di ieri, però, il giovane ha compiuto un altro passo importante nel suo percorso di crescita: guidare la SF90 nei test in programma a Sakhir. È stato lui stesso, al termine della sessione, a raccontare tutto il suo entusiasmo per l’esperienza che gli ha regalato la scuderia di Maranello: “Mi sono divertito un mondo! In garage mi sono sentito come a casa fin dal primo momento visto che ero circondato da molte persone che mi conoscono fin da quando ero molto giovane. Ringrazio la Ferrari per la straordinaria opportunità che mi ha dato e non vedo l’ora domani (oggi, ndr) di salire sull’Alfa Romeo”.

Sensazioni indimenticabili

Una giornata di questo tipo resterà inevitabilmente impressa nella mente di Mick, in atteso di rivederlo in pianta stabile in Formula Uno: “È stato stupefacente, la sensazione che ho provato la prima volta che ho accelerato è stata… pazzesca. Non immaginavo così tanta potenza, ma devo anche dire che mi sono sentito a mio agio, perché c’è così tanto potenziale nella macchina“.

MIck Schumacher in pista con la Ferrari (Foto: Twutter)

I risultati non erano certamente l’aspetto più importante della giornata, ma anche questi sono stati decisamente incoraggianti. Schumi jr. ha infatti effettuato complessivamente 56 giri, il più veloce dei quali in 1’29”976 (tempo ottenuto utilizzavo le Pirelli più morbida, le C5. ndr). Il ragazzo si è così piazzato al secondo posto alle spalle della Red Bull-Honda di Max Verstappen.

Il giudizio nei confronti della SF90, nonostante i problemi avuti la Leclerc in gara, è comunque positivo: “La SF90 è incredibile per quanto è potente, ma è anche abbastanza semplice da guidare: per questo mi sono divertito così tanto. L’aspetto che mi ha impressionato maggiormente sono i freni, potentissimi. Mi pareva di poter frenare via via più tardi, tanto avevo la certezza che la vettura avrebbe comunque fatto la curva” – ha concluso.

 

Foto in auto – Credits/Fonte