montezemolo-ferrari

La stagione 2020 della Formula Uno si è conclusa con il Gran Premio di Abu Dhabi. L’ultima vittoria è andata a Verstappen, in un weekend in cui le Mercedes sono sembrate piuttosto sottotono.

Per la Ferrari è stato uno degli anni peggiori di sempre, chiuso anche con l’addio a Vettel, che guiderà nel 2021 per la Racing Point/Aston Martin.

Luca Cordero di Montezemolo, ex presidente della Rossa, ha rilasciato un’intervista alla trasmissione La politica nel pallone su Rai Gr Parlamento.

Il manager era già intervenuto, in precedenza, sulla stagione 2020 della Rossa, definendola deludente. Adesso, Montezemolo sulla Ferrari, ha dato degli importanti spunti, anche sulle caratteristiche che dovrà avere il successore di Camilleri.

Il parere di Montezemolo sulla Ferrari

Luca Cordero di Montezemolo, una parte importante della storia del Cavallino Rampante, ha rilasciato delle dichiarazioni sulla scuderia. Montezemolo della Ferrari ha evidenziato i problemi: “Sono preoccupato… Sono problemi che vengono da lontano e creano interrogativi importanti per il futuro….

Dal 2014 la Ferrari non solo non ha mai vinto un Mondiale né piloti né costruttori, non solo non è mai stata in condizioni di arrivare a giocarsi il Mondiale all’ultima gara, ma soprattutto in certi anni è stata fin dall’inizio tagliata fuori dalle speranze di vittoria“.

Montezemolo ha dato la sua opinione sull’origine della crisi della Rossa: “Questo nasce da due tipi di problemi. Uno: l’organizzazione che era stata fatta, quella cosiddetta <<organizzazione orizzontale>> che in Formula Uno non reggeDue: il fatto che per vincere, oggi ma anche in passato… bisogna anche avere in squadra qualche elemento che faccia la differenza, che porti anche competenze e aria nuova… Io avevo una squadra fortissima“.

Montezemolo guarda al futuro della Rossa

Montezemolo si è detto preoccupato per la prossima stagione della Rossa, ma anche per il cambio di regolamenti del 2022: “Mi preoccupa per il futuro… Abbiamo un anno prossimo in cui le modifiche regolamentari sono minime, quindi tutto lascia prevedere che Red Bull e Mercedes dovrebbero essere davanti“. Ed ancora: “Abbiamo dei regolamenti completamente nuovi nel 2022, che bisogna interpretare bene, su cui bisogna cominciare a lavorare praticamente da adesso. Quindi vedo un futuro con molte incognite“.

Montezemolo alla Ferrari ha offerto il suo supporto: “Bisogna prendere delle decisioni urgenti, coraggiose, giuste… Da parte mia il massimo supporto ed il massimo tifoPenso di sapere quali siano i problemi che dovrebbero essere affrontati in tempo… Chiunque di loro volesse sentire qualche consiglio… con massima disponibilità ed entusiasmo“.

Le caratteristiche che dovrà avere il prossimo amministratore delegato della Ferrari

Dopo le dimissione di Camilleri, Montezemolo per la Ferrari avrebbe visto bene Domenicali: “Mi spiace perché ci sarebbe stata una persona perfetta per poter fare l’amministratore delegato della Ferrari… Stefano Domenicali”.

L’ex presidente spera in un nuovo amministratore delegato, vicino al mondo delle corse:Io spero che chiunque sarà il nuovo amministratore delegato della Ferrari, sia una persona che abbia delle competenze di Formula Uno e possa supportare molto Binotto… Un uomo solo al comando“. Ed ancora: “Spero che scelgano bene… C’è una squadra di Formula Uno da rafforzare, da motivare, perché la stagione è stata dura. La conclusione di ieri… ha fatto male. Ha fatto male vedere le Ferrari doppiate“.

Il manager ha paragonato la Ferrari di oggi a quella amministrata da lui: “Oggi è una Ferrari molto diversa dalla mia... Dà grandissima attenzione al titolo in borsa, ha aumentato la produzione delle macchine e, per la prima volta da quando è stata fondata, ha un vertice che non viene da un’esperienza, una conoscenza della Formula Uno“.

Montezemolo parla dei piloti della Rossa

Montezemolo della Ferrari ha evidenziato i problemi. Ma l’ex presidente vede Leclerc e Sainz come due punti di forza: “Un pilota come Leclerc, che secondo me è un grandissimo talento, un ragazzo che con una macchina competitiva può andare fortissimo e portare dei risultati importanti e trovo anche azzeccato l’aver portato in casa un pilota come Sainz, che anche lui è veloce”. Ed ancora: “Credo che la gestione di Leclerc e Sainz, potrebbe essere più complicata di quanto in questo momento non appaia“.

Montezemolo spera che la Ferrari possa riprendersi la lotta per le prime posizioni: “Io spero che l’anno prossimo la Ferrari sia in grado, in qualche Gran Premio, anche di lottare per i primi posti. Leclerc ha dimostrato che con una macchina competitiva è in grado di farlo e Sainz è molto veloce. Il tema vero sarà il 2022“.

Il parere di Montezemolo su Mick Schumacher

Montezemolo sulla Ferrari ha dato degli spunti, ma l’ex presidente della Ferrari ha commentato anche l’arrivo in Formula Uno di Mick Schumacher: “Mick è un ragazzo serio, che ha saputo giorno dopo giorno migliorarsi… Mi fa grande piacere vedere uno Schumacher in pista, anche se il nome non è garanzia di essere un campione”. Ed ancora: “Lo dovrà dimostrare, avrà molta pressione addosso, però è stata giusta la scelta di andare in una squadra non di primissimo piano e che non abbia l’obbligo di fare la pole position… Lo aiuterà a crescere”.

L’ex presidente della Rossa ha inviato il suo augurio al giovane pilota: “Io ho molta fiducia in lui, perché è un ragazzo, che, come il padre, è molto intelligente, che sa stare al suo posto, un ragazzo che lavora. Con tutto il cuore gli faccio in bocca al lupo, anche se per lui non sarà facile“.

Sul padre Michael ha aggiunto: “Penso spesso a lui. Quando vedo queste immagini delle vittorie mi viene un groppo alla gola“.

Leggi anche:

Camilleri si dimette dalla carica di amministratore delegato della Rossa

Verstappen chiude il 2020 con una vittoria

Vettel dice addio alla Ferrari in modo originale

Foto in alto: Shutterstock