sticchi-damiani-aci-appello-governo-100-anni-monza

Il calendario della stagione 2020 di Formula Uno è stato stravolto per le conseguenze del Covid-19. La massima competizione è stata disputata su circuiti da tempo fuori dal calendario come Imola ed Istanbul.

Ma alcune gare storiche sono state confermate, tra queste il Gran Premio d’Italia, disputato sul circuito di Monza. La gara ha riservato molte emozioni ai tifosi e la vittoria finale è andata a Gasly.

Per continuare a regalare divertimento ai tifosi e mantenere un circuito pieno di storia, come quello di Monza, il presidente dell’Aci Angelo Sticchi Damiani, chiede finanziamenti al Governo.

Sticchi Damiani parla della ristrutturazione del circuito di Monza

Il presidente dell’Aci Angelo Sticchi Damiani, durante un evento online, organizzato da Rcs Academy, su “Sport Business e Orizzonti Futuri“, ha parlato del circuito di Monza, come riportato da Ansa.

L’autodromo di Monza è il più antico circuito ad ospitare ancora la Formula Uno.

Il tracciato raggiungerà tra poco il centenario. Per celebrare al meglio quest’occasione e continuare ad utilizzare il circuito al meglio, Angelo Sticchi Damiani chiede finanziamenti al Governo: “Servono risorse straordinarie: le stiamo chiedendo soprattutto al Governo, perché questo è un evento nazionale, non locale“.

Il presidente dell’Aci crede siano necessari degli interventi di ammodernamento dell’impianto: Monza merita. É il più antico circuito del mondo dove ancora si svolge un Gp di Formula 1: è nato nel 1922 e ci si corre ancora. Il centenario è l’occasione non solo per un restyling ed una lucidata, ma per modernizzare l’autodromo e fare in modo che il circuito possa affrontare altri vent’anni“.

Sticchi Damiani chiede finanziamenti anche per la pista di alta velocità

Angelo Sticchi Damiani ha elencato gli interventi che, a suo parere, sono necessari per il circuito. Il presidente vorrebbe recuperare anche la pista di alta velocità: “Convinto che sarebbe molto bello recuperare la pista di alta velocità… Che non è solo archeologia industriale ma consente di organizzare delle gare. Vedere la pista di alta velocità nelle attuali condizioni è un colpo al cuore”. Ed ancora: “E poi c’è da ripensare la tribuna d’onore, da sostituire le tribune in tubi, risolvere il problema dei sottopassi”.

Sticchi Damiani chiede finanziamenti al Governo, sottolineando che sono necessarie risorse straordinarie: “Con Regione Lombardia abbiamo un importante accordo per il Gran Premio ma oggi abbiamo bisogno di risorse straordinarie. L’autodromo non è di nostra proprietà, quindi andremmo a spendere in casa di altri”. Ed ancora: “Tutto questo porta lavoro per tante persone, valorizzando un asset conosciuto nel mondo“.

Leggi anche:

Gran Premio d’Italia: trionfa Gasly

Il pilota francese incredulo dopo la vittoria a Monza

Imola aggiunta al calendario 2020

Foto in alto: Shutterstock