cartellone con la scritta circuito mugello

È un periodo di grave emergenza quello che sta coinvolgendo tutto il nostro Paese a causa del diffondersi sempre più ampio del Coronavirus. A voler dare un aiuto concreto in questo contesto difficile per la sanità, c’è anche il Centro Medico dell’Autodromo del Mugello, che ha messo a disposizione della sanità toscana una serie di attrezzature che potranno essere utilizzate per contrastare questa fase di estrema difficoltà.

Un aiuto importante per chi è “in trincea”

Medici e infermieri, oltre ai loro familiari, sanno bene quali sacrifici stiano compiendo in questo periodo di grave emergenza sanitaria che coinvolge ormai tutto il mondo.

I posti letto e le attrezzature mediche nelle regioni più colpite iniziano a scarseggiare. Proprio per questo, il Centro Medico dell’Autodromo del Mugello non ha esitato a muoversi tempestivamente e a donare alla sanità toscana strumenti davvero indispensabili per i pazienti più gravi.

Un respiratore automatico con relativo monitor ed ecografo sono così finiti presso l’Ospedale del Mugello a Borgo San Lorenzo all’interno della terapia intensiva, mentre la strumentazione per un secondo letto di rianimazione insieme ai quattro defibrillatori è andata, invece, al policlinico di Careggi a Firenze.

Uniti per un unico obiettivo

La situazione in cui versa il nostro Paese è davvero allarmante ed è per questo che diventa fondamentale agire in fretta. “Abbiamo segnalato immediatamente la nostra disponibilità al sindaco di Scarperia e San Piero Federico Ignesti – ha commentato l’Amministratore Delegato del circuito Paolo Poli, come si legge su Motorsport.com In un momento di difficoltà come quello attuale, gli sforzi di tutti devono concentrarsi verso l’unico obiettivo di dare una risposta immediata all’emergenza. La disponibilità delle apparecchiature di rianimazione già presenti nel centro medico dell’autodromo è un piccolo gesto a sostegno dello straordinario contributo di professionalità fornito da tutti gli operatori del sistema sanitario, che vegliano sulla nostra salute”.

Non è mancata la gratitudine da parte dell’amministrazione locale. “Ringrazio Paolo Poli AD ‘Autodromo del Mugello – dichiara il Sindaco della Città Metropolitana di Firenze Dario Nardellaper la scelta di destinare strumentazioni del Centro sanitario del circuito al contrasto in corsia contro la diffusione del coronavirus. Siamo tutti richiamati in queste giornate a profondità e ampiezza di sguardo oltre noi stessi, senza sottovalutare quello che sta accadendo e le possibilità che abbiamo di aiutare, come sta facendo l’Autodromo. E’ un esempio che spero possa alimentare ulteriormente l’unica gara possibile in questo momento, che è quella della responsabilità, della condivisione e della solidarietà“.

 

Foto in alto: Shutterstock