Ieri, Andrea Dovizioso ha presentato il suo docu-film Undaunted in cui si racconta come uomo, oltreché come pilota. A margine della presentazione, oltre a parlare dei suoi obiettivi, ha anche commentato l’andamento dei test di Sepang. Non poteva, in questo senso, mancare anche un commento su Valentino Rossi.

Andrea Dovizioso e il docu-film Undaunted

Come si legge sul Corriere della sera, il regista di Undaunted, Paolo Novelli, ha parlato in questi termini del docu-film: “Andrea è stato capace di mettersi in discussione.

Di aprirsi come forse non aveva mai fatto prima“. Dal canto suo, Andrea Dovizioso è convinto che sia stata soprattutto la capacità del regista di ambientarsi nel Paddock ad avergli reso più facile mostrare se stesso. Per quanto riguarda il futuro, Dovizioso sottolinea di avere le forze necessarie a lottare per il titolo: “So cosa mi serve per giocarmi il mondiale. Finché sarò nella condizione di provarci continuerò a inseguire questo risultato“. Non è mancato, a margine della presentazione, anche un commento sul “Dottore” e sul suo futuro in MotoGp.

Il commento di Dovizioso su Rossi

Valentino Rossi ha compiuto 41 anni lo scorso 16 febbraio ma ha ancora tanta voglia di vincere. Tra chi ritiene che il “Dottore” potrebbe tornare a sorprendere in questa stagione c’è proprio Andrea Dovizioso. Come riporta Sky Sport, il Ducatista si è così espresso a margine della presentazione del suo docu-film: “Rossi farà di tutto per continuare a correre, logicamente deve essere veloce e si sta concentrando su questo“.

Durante i test di Sepang, è emersa soprattutto la Yamaha, con Quartararo che si è preso da subito la scena. Andrea Dovizioso ha commentato con queste parole l’andamento dei test e le prestazioni del “Dottore”: “Tutte e quattro le Yamaha saranno competitive, quanto lo sarà Rossi non lo so e forse non lo sa nemmeno lui. È alla ricerca di quel poco di velocità in più che non ha avuto nel Mondiale 2019, se la dovesse ritrovare potrebbe anche giocarsela“.