Lorenzo, amarezza dopo i test: "In moto sento ancora molto male"

Il 2019 non sarà certamente ricordato come uno degli anni più fortunati per Jorge Lorenzo. Il maiorchino aveva infatti accettato con particolare entusiasmo l’offerta della Honda, pur avendo la consapevolezza di dover dividere il box con un campione assoluto del calibro di Marc Marquez, ma con l’intento di rifarsi dopo gli alti e bassi della Ducati. A stagione ormai conclusa il bilancio non può rivelarsi positivo: il pilota non è praticamente mai riuscito a competere per le prime posizioni, ma ha collezionato anche problemi fisici che ne hanno minato le prestazioni. Non eccezionale nemmeno il riscontro emerso dai test di Misano: il dolore non lo abbandona e ora diventa indispensabile riposare per qualche giorno.

Il dolore non passa

Jorge Lorenzo ha fatto il possibile per non mancare ai test di Misano, ma il riscontro della pista non è stato dei migliori. Il pilota della Honda ha percorso complessivamente 31 giri nei test di Misano, ma non è mai riuscito a raggiungere i tempi dei colleghi più veloci.

 

Visualizza questo post su Instagram

 

Test mood. #MisanoTest

Un post condiviso da Jorge Lorenzo (@jorgelorenzo99) in data:


La frustrazione, complice anche le condizioni fisiche non ancora al meglio, è quindi forte. “Sfortunatamente, non mi trovo molto bene con la schiena – sono le sue parole riportate da Motorsport.com -. Dopo aver fatto uno sforzo molto grande a Silverstone, dovendo fare tanti giri in quelle condizioni, dopo la gara ho sofferto molto. Lunedì e martedì la situazione è un po’ migliorata, però sono arrivato qui ancora con dei dolori. In moto sento molto male e quindi abbiamo preferito chiudere il test qui e pensare a recuperare per la prossima gara“.

Come andrà in gara?

Ora che la stagione volge al termine sarebbe fondamentale poter avere risultati davvero convincenti in pista, anche in vista della prossima annata. Ma certamente i problemi fisici che ancora affliggono l’ex pilota Ducati non aiutano.

Jorge preferisce non sbilanciarsi, anche se il test è servito anche per ottenere nuove risposte sul piano tecnico: “Abbiamo provato ancora il nuovo telaio di quest’anno e mi è piace di più di quello vecchio, quindi qui credo che inizieremo il weekend con quello nuovo su entrambe le moto” – ha concluso.