quartararo-miglior-tempo-libere-misano-gp-san-marino

Si concludono per oggi le prove libere che inaugurano il Gran Premio di San Marino sulla pista Marco Simoncelli di Misano dove domina la Yamaha. Infatti, questo pomeriggio, è stata ottima la prestazione di Quartararo e Morbidelli, ma anche di Viñales e Rossi che nelle libere 2 è riuscito a recuperare rispetto a questa mattina, quando aveva l’undicesimo tempo. Occhi puntati su Dovizioso che ha riscontrato invece un problema.

I tempi delle libere di Misano

A dominare nelle prime prove libere del Gran Premio di San Marino sono state le Yamaha e, in particolare, di Fabio Quartararo che chiude la giornata con il miglior tempo, da Viñales, questa mattina il più veloce.

Nella classifica dei tempi combinati, spicca al terzo posto Morbidelli, chiudendo un “podio” tutto targato Yamaha. Al quarto quinto posto, si trovano le KTM rispettivamente di Pol Espargaró e di Lecuona, seguite dalla Yamaha di Valentino Rossi, questo pomeriggio quinta, e dalla Ducati di Petrucci.

Chiudono la top ten Binder, Oliveira e Aleix Espargaró che questa mattina aveva fatto sognare l’Aprilia con un terzo miglior tempo.

Undicesimo Dovizioso, mentre oggi è rientrato Pecco Bagnaia dopo l’infortunio, facendo il 18esimo tempo. Suzuki e Honda non eccellono, in particolare quest’ultima: Alex Marquez figura penultimo nella classifica dei tempi combinati.

Problemi nel settaggio elettronico per Dovizioso

Resta fuori dalla top ten delle libere che hanno inaugurato il Gran Premio di San Marino di MotoGp Andrea Dovizioso che questa mattina ha faticato facendo solo il 14esimo tempo, mentre nella combinata figura 11esimo. Come si legge su Sky Sport, Tardozzi ha spiegato che questo andamento non certo esaltante sarebbe dovuto a un elemento decisivo: “Decisamente una pessima prestazione, ci aspettavamo molto oggi, il lavoro di Pirro nei test era stato ottimo. Siamo profondamente delusi. Dovi?: Problema nel settaggio elettronico. La sfortuna non c’entra, dobbiamo fare chiarezza e lavorare meglio“.

Foto in alto: Instagram Fabio Quartararo