primo piano di valentino rossi mentre il pilota si trova nel Paddock

Il 2020, indipendentemente dai risultati che arriveranno, sarà un anno cruciale per Valentino Rossi. Il pesarese, in scadenza di contratto con la Monster Energy Yamaha, non ha infatti ancora deciso se proseguirà anche nella prossima stagione, ma avrebbe certamente preferito arrivare alla scelta definitiva in una modalità diversa rispetto a quanto sta accadendo. E invece, l’epidemia da Coronavirus che ha portato a rinviare la partenza dell’annata, ha scombinato i suoi piani.

Se il numero 46 non dovesse appendere il casco al chiodo, la Yamaha Petronas è pronta a fare il possibile per accontentarlo, ma questo dovrà avvenire a un’unica condizione per il “Dottore”: essere competitivo.

Voglio continuare, ma voglio farlo se sono competitivo

L’avventura di Valentino Rossi alla Monster Energy Yamaha sta per giungere a termine, ma la scuderia giapponese ha garantito al “Dottore” di poter proseguire ulteriormente la sua carriera, se volesse farlo, nel team satellite, la Yamaha Petronas. Il pilota di Tavullia aveva però un programma ben preciso: decidere se correre anche il prossimo anno dopo avere verificato in prima persona il suo livello di competitività in questa annata.

Pur avendo ormai superato i 40 anni, il numero 46 ha lo stesso spirito di sempre: non vuole essere un peso, ma dimostrare a tutti di poter competere con avversari più giovani di lui. “Il mio piano era chiaro, fare qualche cambiamento nel team e aspettare fino all’estate per capire se fossi più competitivo dell’anno scorso, perché per me è fondamentale – ha detto ai microfoni del sito ufficiale della MotoGp –. Voglio continuare, ma voglio farlo se sono competitivo, purtroppo in questa situazione devo decidere senza poter correre prima, ed è più complicato“.

Non voglio andare nel team Petronas per fare l’ultima stagione

La trattativa tra le parti non è ancora arrivata a una conclusione, ma Valentino non può che apprezzare quello che il team sarebbe disposto a fare per ingaggiarlo. Per uno come lui che vanta nove titoli in carriera non dovrà essere un’annata intrapresa senza troppa convinzione. Le parole di Valentino Rossi a proposito di questo sono chiare: “Devo riflettere e capire dentro di me cosa voglio fare, se ho abbastanza motivazioni. Ho una buona opportunità con il team Petronas, che è una squadra top come hanno dimostrato l’anno scorso con Quartararo e Morbidelli.

Ma il “Dottore” ha chiarito: Non voglio andare nel team Petronas per fare l’ultima stagione, mi viene difficile in inglese, ma non voglio andare lì per salutare e per dire ciao. Se corro, voglio dare il 100%, e correrò solo se dentro di me sentirò di essere competitivo e di poter lottare per il podio. Ho due opzioni, Petronas o mi fermo…vedremo“. Non resta che attendere i prossimi sviluppi.

Foto in alto: Shutterstock