Addio a Harry, il piccolo fan di Hamilton malato di tumore

Si è conclusa nel modo più triste la lotta di Harry Shaw, il bambino di cinque anni di origine britannica che si era ammalato da qualche mese di sarcoma di Ewing, una forma tumorale che non gli ha lasciato scampo. Il suo sorriso si è spento per sempre sabato scorso. Il piccolo era un grande tifoso di Lewis Hamilton: proprio lo scorso 12 maggio aveva inviato dall’ospedale un video di incoraggiamento al campione del mondo che, prontamente, non aveva esitato a dedicare a lui la vittoria nel Gran Premio di Barcellona, tassello importante che potrebbe portarlo a conquistare il suo sesto titolo in carriera.

Il pilota Mercedes anche in questo frangente aveva dimostrato grande sensibilità e aveva così mandato al suo sfortunato fan una replica della sua monoposto.

Addio a un bimbo coraggioso

I più piccoli possono essere spesso per noi un vero esempio nell’affrontare i problemi che, inevitabilmente, la vita spesso ci mette davanti. Emblematico è il caso di Harry Shaw, il bambino di soli cinque anni che negli ultimi mesi ha dimostrato un coraggio da vendere nel tentativo di guarire da un tumore particolarmente aggressivo. Anche nei giorni trascorsi in ospedale non ha mai spesso di sorridere, ma anzi aveva voluto lanciare anche un messaggio di incoraggiamento al suo campione preferito, Lewis Hamilton, che era poi riuscito a trionfare in Spagna e a dedicare a lui quella importante vittoria.

Questo sfortunato eroe ha però dovuto arrendersi e non ce l’ha fatta. Ad annunciare la tragedia sono stati i genitori, Charles e James, straziati dal dolore. “Ha combattuto fino alla fine – hanno scritto in un post su Instagram – è impossibile immaginare la nostra vita senza di lui e il vuoto che lascia. Siamo molto orgogliosi di Harry e di tutto quello che ha portato nelle nostre vite“.

Il grande cuore di Lewis

Il messaggio che Harry aveva avuto mandargli era stato accolto con gioia da Hamilton, che non aveva esitato a inviargli a casa un regalo da sogno per un suo fan: una replica della sua Mercedes, oltre a un paio di guanti e al trofeo conquistato nel Gran Premio iberico. Il gesto aveva particolarmente colpito il piccolo e i suoi familiari, che avevano sottolineato come questo gli avesse “regalato sorrisi in un momento in cui è difficile essere felici“.

Il campione del mondo, raggiunto dalla tragica notizia, non ha mancato di ricordare il piccolo sottolineando quanto sia stato coraggioso (dopo il Gran Premio lo aveva definito “l’angelo del suo spirito“).