La MotoGP arriva ad Austin, dal 2013 terra di conquista per la Honda ma soprattutto per Marc Marquez. Lo spagnolo, reduce dalla schiacciante vittoria in Argentina, era il favorito anche per le qualifiche che, come di consueto, non hanno lesinato emozioni. Questa volta, sin dalle prime libere, i rivali più accreditati sembravano le due Yamaha, Valentino Rossi e Maverick Viñales in sella ad una M1 sorprendentemente veloce su una pista sulla carta sfavorevole. Nelle libere chi aveva faticato più del solito era stata la Ducati, soprattutto con i piloti ufficiali. Al contrario, Jack Miller e “Pecco” Bagnaia avevano mostrato prestazioni interessanti.

Come detto, però, le qualifiche hanno prodotto sorprese.

Marquez non sbaglia un colpo, settima pole ad Austin

Il maltempo, che aveva causato la cancellazione della Fp3, non ha impedito il regolare svolgimento delle qualifiche, svoltesi fortunatamente in condizioni d’asciutto. Marc Marquez non ha deluso le attese e ha raccolto la settima pole position su una delle sue piste preferite. La sorpresa però, si chiama Valentino Rossi, il “dottore” è stato l’unico ad avvicinarsi allo strapotere del “93”, realizzando il secondo tempo a meno di tre decimi. Il nove volte iridato è apparso particolarmente rapido per tutto il week-end, in sella ad una M1 veloce sia nel giro secco che sul passo. Partirà dalla terza casella Cal Crutchlow, il pilota del team di Lucio Cecchinello si è confermato velocissimo su una Honda esaltata dal layout di Austin.

Credits: Pagina Facebook MotoGP.com

Deludono le Ducati, Dovizioso fuori dalla Q2

Le Ducati questa volta sono sembrate più in difficoltà rispetto alle precedenti uscite. Andrea Dovizioso è rimasto escluso dalla Q2 e Danilo Petrucci ha chiuso ottavo. Al contrario, Jack Miller conferma il buon feeling con la pista, realizzando il quarto miglior tempo. Sesta l’altra Yamaha di Maverick Viñales, in difficoltà rispetto alle prove libere. Anche le altre Yamaha non hanno brillato, con Quartararo e Morbidelli rispettivamente nono e decimo. Undicesimo invece Jorge Lorenzo, in difficoltà per tutto il week-end e protagonista anche di uno sfortunato guasto tecnico a metà turno.

Credits: Pagina Facebook MotoGP.com