Il manager della Mercedes vorrebbe Valentino Rossi come pilota

Un pensiero stupendo, una pazza idea. Sa tanto di scherzo ma trattandosi di un certo Toto Wolff, team manager della scuderia Mercedes in F1, tutto può essere. “Chi al posto di Rosberg la prossima stagione?” si è chiesto ed ha chiesto intervistato dalla Gazzetta. “Un’ipotesi è quella di offrire la macchina a Valentino Rossi oppure Jorge Lorenzo. Ci sono liberi anche Sebastien Ogier e José Maria Lopez: potremo eventualmente organizzare un bel provino” ha aggiunto per poi concludere: “L’addio di Nico? È stato uno shock per tutto l’ambiente“.

Il contesto

Wolff si trovava per la precisione a Sindelfingen, sede della fabbrica Mercedes, in compagnia di Nico Rosberg e Lewis Hamilton per una conferenza stampa aperta ai media.

Abbiamo almeno tre strade da percorrere: prendere un pilota che faccia da secondo a Hamilton oppure valorizzare i nostri giovani, Ocon e Werhlein. Non escludiamo anche di tornare sul mercato e cercare un altro top driver“. Ipotesi, quest’ultimo, che potrebbe non poco andare storta ad Hamilton, al momento faro – in pista e fuori – del parco piloti di tutta la massima serie automobilistica.

Soluzioni alternative

Io e Lauda abbiamo ricevuto telefonate da circa l’ottanta percento dei piloti di Formula 1. Gli unici a non chiamarmi sono stati Raikkonen e Kvyat.

Il motivo? Non hanno il mio numero in rubrica“, ha proseguito Wolff. Scongiurata la pista Vettel, al momento: “Non è mia intenzione interferire nelle questioni interne della Ferrari e non so neppure se Sebastian abbia realmente intenzione di venire da noi“.

La reazione di Vale

La risposta di Valentino Rossi non si è fatta attendere, che ha reagito tramite Sky: “Mercedes? Sarebbe bello, se vogliono chiamarmi. Wolff il mio numero ce l’ha, ma il mio cuore è in Ferrari. Ho provato la Ferrari, sono molto amico di tutti i meccanici e sarebbe come un mezzo tradimento“.

Numerosi, infatti, sono stati i test che il Dottore ha intrattenuto sulla monoposto del cavallino rampante.

valeis2

 

Pubblicità

Potrebbe interessarti