monopattino elettrico

Alcune città italiane stanno già sperimentando un nuovo tipo di mobilità tecnologica e green: lo sharing dei monopattini elettrici. In altre parole, utilizzando semplicemente il proprio smartphone, è possibile noleggiare uno di questi mezzi di trasporto.

Il monopattino per adulti, invece di sfruttare la trazione umana, ha incorporato un motore a energia elettrica. Nelle città, in cui spostarsi in auto può risultare complicato, il monopattino può rivelarsi un comodo e veloce mezzo di spostamento.

App per monopattini: come funzionano?

I servizi di sharing dei monopattini, già presenti in alcune città italiane, si basano sullo stesso metodo di utilizzo molto intuitivo e immediato del car sharing.

Nella maggior parte dei casi, basta solo scaricare un’apposita applicazione sul proprio smartphone e configurare il proprio profilo. Dopo la registrazione, verrà semplicemente richiesto di impostare i dati della propria carta di credito per il pagamento.

Fatta questa prima impostazione, l’applicazione sarà in grado di localizzare i monopattini elettrici, disponibili nelle vicinanze. Per noleggiare il mezzo green, basterà inquadrare il QR CODE sul manubrio con il proprio smartphone. Alla fine del noleggio, il pagamento verrà effettuato direttamente dall’applicazione.

Alcune città italiane, come Torino, hanno già integrato il servizio di monopattino sharing nel trasporto pubblico cittadino, per coprire ulteriori zone. Insieme al capoluogo piemontese, puntano sulla micro-mobilità elettrica anche Milano e Verona.

Monopattini elettrici in sharing: le regole per circolare in sicurezza

Per noleggiare un monopattino elettrico e usarlo in città in modo sicuro e senza il rischio di incorrere in sanzioni, ci sono delle regole da seguire, le stesse valgono anche per i segway. Innanzitutto è necessario tenere a mente che la velocità massima consentita è di 20 km/h. Per quanto riguarda la potenza massima consentita, il limite è di 0,5 kw.

È poi necessaria la Patente AM per guidare il monopattino che può essere anche portato dai minorenni a patto che ne siano provvisti. La sera, al tramonto e all’alba è poi obbligatorio dotarsi del giubbotto catarinfrangente. Infine, è necessario sapere che le zone in cui si può circolare variano da città a città. Molti noleggiatori inoltre consigliano l’utilizzo del caschetto. L’assicurazione non obbligatoria ma è raccomandata.