monoposto ferrari su una pista di formula uno

Il Gran Premio di Monza sarà regolarmente presente nel calendario della stagione 2020 di Formula Uno. L’annata che ci attende e che prenderà il via tra qualche settimana (5 luglio in Austria) sarà sicuramente particolare non solo per il ritardo con cui si partirà, ma anche perché mancheranno alcune location storiche a causa della pandemia da Coronavirus. Non sono previste variazioni nemmeno sulla data: la F1 correrà in Italia il 6 settembre, anche se a porte chiuse.

L’Italia non mancherà

Il Mondiale 2020 di Formula Uno sarà certamente a formato ridotto e senza la presenza di location a cui gli appassionati di motori sono legati da tempo. Si tratta però di una decisione inevitabile, legata aoprattutto a motivi di salute: in molti Paesi, infatti, i governi hanno posto il divieto di organizzare eventi in cui si prevede un’elevata presenza di pubblico, oltre all’obbligo di quarantena su cui alcuni non vogliono transigere per chi proviene dall’estero.

Nonostante queste condizioni, l’Italia ha dato la sua disponibilità e ospiterà regolarmente il Gran Premio a settembre.

A dare l’annuncio è stato il sindaco della città brianzola, Dario Allevi, dopo avere avuto un colloquio con il presidente dell’ACI, Angelo Sticchi Damiani, che già nelle scorse settimane aveva smentito un’indiscrezione della Bild che parlava di una clamorosa esclusione della corsa, ha affermato: “Ho ricevuto l’attesa telefonata del Presidente di ACI Italia, Angelo Sticchi Damiani, il quale mi ha confermato che il Gran Premio d’Italia si correrà a Monza il prossimo 6 settembre – sono state le sue parole nel corso della comunicazione alla cittadinanza sull’evoluzione dell’epidemia -. Mentre molti circuiti hanno dovuto rinunciare a causa dell’emergenza sanitaria, Monza ci sarà, seppur a porte chiuse“.

C’è anche un rinnovo importante

Ma le buone notizie non si esauriscono qui. L’autodromo è riuscito anche a rinnovare il contratto con la Formula Uno per un altro anno rispetto all’accordo in vigore, che era al momento in scadenza nel 2024. La precisazione arriva proprio dal primo cittadino: “La Formula Uno ha deciso di prolungare di un anno il contratto, appena stipulato, con il nostro #autodromo: i bolidi continueranno a sfrecciare nel tempio della velocità almeno fino al 2025”.

Monza è il circuito che ha la storia più lunga alle spalle rispetto a quelli inseriti in calendario: dal 1950 ha sempre ospitato il GP d’Italia tranne che nel 1980, anno in cui la gara si era tenuta a Imola.