formula-uno-2021

La stagione 2021 di Formula Uno si sta avvicinando. A parte la firma sul contratto tra Hamilton, vincitore del titolo mondiale del 2020, e la scuderia Mercedes, che ancora non è arrivata, tante sono le incognite che possono movimentare il nuovo anno.

A promettere colpi di scena non sono solo i possibili cambi di programma, dovuti alla pandemia, ma anche le modifiche del regolamento, le novità apportate alle monoposto, i nuovi pneumatici e, soprattutto, i tanti cambi di casacca tra i piloti.

2021: tutti i piloti che cambiano scuderia

Aria di novità sui tracciati della Formula Uno nella stagione 2021. vari piloti cambiano box, creando così, uno scambio di conoscenze e procedure tra le scuderie. La Ferrari accoglie Sainz, che ha fatto bene in McLaren e può dare una nuova spinta a Leclerc, accendendo la competizione tra compagni di scuderia.

Vettel, invece, guiderà una monoposto della Aston Martin. Il campione del mondo può rivelarsi veramente competitivo alla guida di una vettura dotata di un motore Mercedes.

La Red Bull per la prima volta ha scelto un pilota che non proviene dal loro vivaio, Sergio Perez. Invece alla McLaren approda un talentuoso come Ricciardo. Ma il 2021 vedrà anche il ritorno in pista di un campione del mondo: Alonso.

Il quadro è ulteriormente dinamico se si considera la spinta dei piloti che esordiscono nella massima competizione. Primo tra tutti, il talentuoso Mick Schumacher, che può infondere pressione sia ai piloti della Rossa, che a Giovinazzi. Ma da tenere sott’occhio sono anche l’incontenibile Mazepin e Tsunoda.

Il regolamento del nuovo anno

Il regolamento per l’anno 2021 della Formula Uno, non permette alle scuderie di effettuare numerosi cambi sulle monoposto, le cui modifiche saranno disciplinate con un sistema a gettoni. Malgrado questo, le novità introdotte posso comunque sparigliare un po’ le carte.

Intanto verrà bandito il famoso DAS, utilizzato più volte dai piloti della Mercedes nel corso della passata stagione. Le monoposto dovranno avere delle modifiche, che puntano a diminuirne il carico aerodinamico. Si ridurrà l’ampiezza del fondo e delle bandelle laterali. Una modifica che potrebbe, almeno in parte, contribuire ad alterare le prestazioni delle monoposto. Ma ancora, cambierà il peso minimo delle vetture, che aumenta di qualche chilo, e saranno diversi anche i pneumatici.

Ma il regolamento della prossima stagione prevede anche delle disposizioni più rigide per quanto riguarda il “reverse engineering”, lo studio e l’applicazione di componenti delle monoposto avversarie. Dopo il caso della Racing Point, la Fia ha vietato l’utilizzo di qualsiasi strumento tecnico utilizzato per duplicare soluzione tecniche avversarie.

Leggi anche:

Le carte della Ferrari del 2021

Hamilton conquista il Titolo Mondiale del 2020

Sainz è il nuovo pilota della Ferrari