crutchlow-collaudatore-yamaha

Cal Crutchlow collaudatore Yamaha dal 2021: è ufficiale. La notizia era già nell’aria ormai da qualche giorno, ma ora è stata confermata dalla stessa scuderia, che desidera rilanciarsi lavorando al meglio sullo sviluppo e si augura di poterlo fare grazie anche al supporto di un pilota di esperienza come il britannico. Si interrompe così dopo solo un anno la collaborazione con Jorge Lorenzo, che aveva deciso di accettare l’incarico dopo avere smesso con le corse.

Le restrizioni introdotte a causa dell’emergenza hanno però ridotto notevolmente il contributo del maiorchino.

Crutchlow collaudatore Yamaha: sostituirà Jorge Lorenzo

Importante cambio della guardia dal 2021 in una delle scuderie più importanti della MotoGp. Ufficiale l’investitura di Cal Crutchlow come collaudatore Yamaha, decisa a migliorare dopo le ultime annate. Il britannico era ormai certo di concludere la sua lunga esperienza con la Honda LCR, ma pur non avendo trovato una nuova collocazione come pilota ufficiale, avrà la possibilità di mettere a frutto la sua lunga esperienza nelle corse e di aiutare una realtà a cui la voglia di rifarsi non manca di certo.

Si concretizza così l’addio, che era ormai nell’aria da qualche tempo, tra la squadra giapponese e Jorge Lorenzo. Il maiorchino aveva accettato con entusiasmo la proposta di mettersi in gioco in una veste inedita, ma le restrizioni imposte dal Covid non gli hanno permesso di rendersi utile quanto avrebbe dovuto. Il primo impegno per il prescelto è già all’orizzonte: a febbraio, infatti, sono in programma i test della classe regina sulla pista di Sepang, in Malesia. Non è escluso però che l’inglese possa tornare in pista in caso di forfait di Quartararo o Viñales.

Il saluto a Lorenzo

Ora che è ufficiale la nomina di Cal Crutchlow come collaudatore Yamaha, il team non ha mancato di ringraziare per l’apporto ricevuto in questi mesi Jorge Lorenzo, che potrebbe comunque presto accasarsi in una nuova scuderia. Tra le ipotesi c’era quella di un approdo alla Yamaha, dove avrebbe potuto ritrovare Andrea Iannone, a cui è legato da una profonda amicizia, ma la conferma della squalifica dell’italiano potrebbe impedire che l’accordo possa concretizzarsi.

Avevamo pianificato e sperato in un programma forte quest’anno con Jorge. Sfortunatamente, il nostro Factory Test Team ha dovuto sospendere presto i suoi piani poiché la pandemia Covid-19 è iniziata e ha continuato a influenzare il 2020 da marzo in poi. (…) Auguriamo a Jorge tutto il meglio per i suoi impegni futuri e lo ringraziamo per i suoi molti anni di collaborazione con Yamaha” – sono state le parole di Lin Jarvis, Managing Director Yamaha nei confronti del maiorchino.

Leggi anche:

MotoGp, Lorenzo può diventare il nuovo collaudatore dell’Aprilia? L’idea piace al maiorchino

Valentino Rossi, la carriera continua: correrà con la Yamaha Petronas

Foto in alto: Shutterstock