Morbidelli vince a Misano

Gara ricca di emozioni a Misano con la prima vittoria in carriera in MotoGP di Franco Morbidelli, il primo podio in top class di “Pecco” Bagnaia e la prima posizione in campionato di Andrea Dovizioso che sfrutta la caduta di Fabio Quartararo. Podio quasi tutto italiano, tripletta mancata in virtù della terza posizione di Joan Mir che fa la voce grossa in Suzuki scalando gerarchie anche ai danni di Alex Rins.

Domenica prossima si correrà nuovamente a Misano con un Morbidelli e un Bagnaia particolarmente galvanizzati.

Morbidelli emozionato dalla prima vittoria: “Ho sempre sperato di vincere in MotoGP

L’uomo della domenica è senza dubbio Franco Morbidelli, al primo successo in top class e, adesso, serio candidato per la vittoria finale: “Non mi sarei mai immaginato tutto questo. Ci ho sempre sperato di vincere in MotoGP ma non era un ossessione.

Abbiamo lavorato sempre step by step e questo mi ha portato alla vittoria, è stato bellissimo”. Nelle dichiarazioni rilasciate a Sky Sport MotoGP, Morbidelli dedica la vittoria: “Nei primi giri Rossi mi ha messo molta pressione mentre negli ultimi giri ho pensato tanto. Il primo pensiero va alle persone che mi hanno aiutato in carriera; sette anni fa ero nel campionato italiano SuperStock. Devo ringraziare la VR46 Academy, senza di loro non sarei qui. Ringrazio la mia famiglia per aver sempre creduto in me“.

L’italo-brasiliano si gode il successo ottenuto dopo aver condotto una gara perfetta: “Oggi anche se avevo la testa tra le nuvole negli ultimi giri sono riuscito a tenere il ritmo regolare”. Morbidelli ora punta al bis nel prossimo appuntamento sempre sul circuito intitolato a Marco Simoncelli.

Bagnaia pilota di punta Ducati: “Stiamo lavorando bene

Prima Ducati al traguardo e primo podio in MotoGP per Bagnaia che dopo una difficile riabilitazione in seguito all’operazione alla gamba compie l’impresa: “Stiamo lavorando bene dai test di Brno dell’anno scorso, ho iniziato a guidare diversamente e i risultati si vedono. Arrivare dopo 5 settimane difficili in seguito all’operazione era difficile, però questo periodo mi ha dato la carica per riprendere da dove avevo lasciato“. Bagnaia ha poi parlato della difficoltà riscontrata all’inizio della gara: “Nei primi giri ho faticato molto, poi a fine gara la gamba ha iniziato a darmi fastidio però per fortuna sono riuscito lo stesso a prendere questa seconda posizione”. Il giovane pilota italiano trova la chiave delle sue prestazioni: “Con questa Ducati stacco molto forte in frenata, penso sia uno dei punti più forti della mia guida. Essere la prima Ducati mi fa essere molto contento, penso che saremo competitivi dappertutto”.

Podio quasi inaspettato per Joan Mir e la Suzuki, lo spagnolo sta dimostrando di crescere esponenzialmente tanto da diventare uno dei candidati al titolo: “Sapevo che sarebbe stata una gara difficile, però giro dopo giro mi sono sentito bene, alla fine ho visto l’opportunità di prendere il podio e poi ci ho provato. Nell’ultimi giro ero forte, sono contento di questo podio“. Mir ha detto che decisive per il suo terzo posto sono state le prestazioni delle gomme: “La moto era abbastanza nervosa, per tutta la gara anche se le gomme non sono calate. Forse con un altro giro avrei potuto prendere anche Bagnaia”. Un pensiero particolare è rivolto al sorpasso ai danni di Valentino Rossi: “Quando ho passato Valentino non ho pensato fosse lui, mi dispiace per lui ma sono molto contento“. Lo spagnolo ora si trova a soli 16 punti dalla testa della classifica.

Foto in alto: Profilo Twitter MotoGP.com