Formula Uno, Villeneuve svela l’obiettivo di Alonso: fare meglio di Schumacher

Alonso

La stagione di Formula Uno è appena iniziata, ma tra i piloti desiderosi di riscattarsi c’è certamente Fernando Alonso. Lo spagnolo, che si è piazzato al quinto posto nella gara inaugurale in Australia, si è detto ottimista per l’introduzione dei nuovi motori Renault a bordo della sua McLaren, ma attende conferme nei prossimi Gran Premi. Ormai da qualche tempo l’ex ferrarista ha però deciso di mettersi alla prova anche al di fuori del Circus e non nasconde la volontà di conquistare la Tripla Corona.

In cerca di nuove sfide

Nella sua lunga carriera Fernando Alonso è riuscito a ritagliarsi importanti soddisfazioni, ma non sembra stanco di mettersi dalla prova.

La voglia di vincere e migliorare costantemente lo ha spinto nei mesi scorsi a prendere parte a manifestazioni extra Circus, dove ha dimostrato di non avere perso lo smalto dei tempi migliori.

La speranza di tornare competitivo anche in Formula Uno comunque c’è: a rinfrancarlo sono le potenzialità dei nuovi motori Renault montati dalla sua monoposto. In attesa di tornare a conquistare una vittoria, obiettivo che non riesce a centrare dal 2013, lo spagnolo avrebbe un altro traguardo da raggiungere: la Tripla Corona. A confermarlo è Jacques Villeneuve: “Sapete perché corre a Le Mans, Indianapolis e in queste gare leggendarie?

Sta cercando di conquistare la Tripla Corona per una ragione: desidera essere il più importante di questo sport, più di Michael Schumacher“ – ha detto l’ex pilota ai microfoni del quotidiano spagnolo As.

Fernando Alonso /Foto: Motorsport.com)

Se davvero il risultato venisse centrato l’ex pilota del “Cavallino” riuscirebbe a migliorare il risultato ottenuto da un collega rimasto nel cuore di tutti i ferraristi: Michael Schumacher. “Dopo averlo battuto in pista pensò di poterlo raggiungere, ed è ciò che ha cercato di fare passando alla Ferrari. Ma non ha funzionato. Ora vuole la Tripla Corona, che Michael non ha ottenuto, per essere il migliore della storia.

A Indianapolis si è comportato bene, mi è piaciuto. A me è mancata Le Mans, ci sono andato vicino con Peugeot“.

Foto immagine in evidenza: Motorionline.it

Pubblicità

Potrebbe interessarti