Lorenzo

L’esperienza di Jorge Lorenzo alla Ducati si è ormai conclusa dopo un biennio caratterizzato da diversi alti e bassi e l’impossibilità dello spagnolo di competere stabilmente per il titolo. Le strade del pilota e della scuderia italiana si sono così separate e già da oggi con i test organizzati in vista della stagione 2019 il maiorchino può iniziare a guardare alla sua nuova avventura alla Honda. Il quattro volte campione del mondo ha voluto comunque salutare tutte le persone che hanno collaborato con lui a Borgo Panigale e i tifosi con una lettera davvero toccante.

Una storia indefinibile

Jorge Lorenzo aveva deciso di accettare la corte della Ducati nel 2017, a trent’anni ormai compiuti, con la consapevolezza di essere arrivato nel periodo della maturità per ogni pilota e di poter dimostrare anche in sella alla moto italiana le sue doti.

Le cose, però, non sono andate come si sarebbe aspettato e soprattutto nel primo anno le delusioni non sono mancate. La scelta della scuderia di non rinnovargli il contratto lo ha parzialmente sorpreso, ma ora ad attendere il quattro volte campione del mondo c’è una nuova avventura: poter correre al fianco di Marc Marquez.

Proprio oggi il maiorchino ha la possibilità di salire in sella alla sua Honda nei test, ma non ha dimenticato di ringraziare la “Rossa” per l’esperienza vissuta. Ecco quindi la scelta di scrivere una lettera pubblicata sui suoi canali social: “Ci sono storie felici, ci sono storie tristi, e poi ci sono altre storie che restano indefinibili, come la mia storia con la Ducati” – ha esordito lo spagnolo – “La sfida era grande ema bellissima: laurearsi campione del mondo con la Ducati. Ero consapevole delle difficoltà, ma lo shock che ho avuto quando ho provato per la prima volta la moto è stato molto più grande di quello che mi aspettavo. Piano piano ho realizzato che tutte quelle caratteristiche che mi avevano permesso in passato di diventare campione del mondo, stavolta non mi sarebbero servite. Avrei dovuto lavorare ogni ora per imparare tutto da zero“.

Un inizio terribile

Sin dalle prime gare le difficoltà non hanno tardato a materializzarsi e con esse anche le critiche nei confronti di Jorge. Addirittura in lui è sorta un’idea che oggi sembra davvero impensabile: il ritiro, ipotesi che fortunatamente non si è concretizzata.

“Le prime 4 gare sono state il mio peggior inizio di sempre in MotoGP. A Le Mans ero primo, ma ho finito sesto e quello è stato il punto critico – prosegue Lorenzo – . La mia stessa carriera era in pericolo: potevo ritirarmi dalla MotoGP a 31 anni, con tutto quello che avevo già conquistato? La risposta era sì. Lo spagnolo svela di aver dunque ragionato seriamente sulle possibilità di un clamoroso abbandono, ma di aver poi fatto dietrofront: “L’idea di abbandonare questo sport mi rendeva triste. Non era ancora il momento“.

Il video è davvero emozionante per tutti i tifosi di Lorenzo e rappresenta un’occasione anche per ricordare i momenti felici vissuti in sella alla Ducati. Tra questi, spiccano le vittorie ei Gran Premi d’Italia, Catalogna ed Austria, prima che la caduta nel GP di Aragon facesse seguito a una serie di problemi fisici che lo hanno condizionato nelle ultime settimane.

Non manca un saluto finale tutto in italiano: “Per un’ultima volta, forza Ducati! Ciao belli, ciao!.

Il saluto del team Ducati a Jorge Lorenzo (Foto: Twitter)

Foto immagine in evidenza: Instagram