Lancia d'epoca

A Conegliano, Treviso, una storia molto curiosa sta riempiendo la stampa e i social in questi ultimi giorni. Sembra proprio che una Lancia Fulvia d’epoca sia stata parcheggiata per 47 anni nello stesso posto. Il video che mostra l’auto è diventato virale arrivando sino al presidente Zaia che ricorda molto bene quella vettura.

Il caso della Lancia Fulvia parcheggiata nello stesso posto dal 1974

La Lancia Fulvia è stata parcheggiata per oltre 40 anni, dal 1974, sempre di fronte ad un’edicola gestita dal proprietario dell’auto e sua moglie.

Ai microfoni del Gazzettino, l’edicolante spiega che l’auto viene lasciata lì perchè è una posizione strategica per lui, considerando che è di fronte a dove lavora. “Facevo scaricare i giornali nel bagagliaio e poi li portavo dentro” racconta l’uomo, così ha pensato che fosse meglio lasciarla lì. Anche se esteticamente non è in ottime condizioni, alla Lancia Fulvia viene pagato regolarmente assicurazione e bollo.

Ciò che invece non viene fatto da un po’ è la revisione dell’auto che risulta l’ultima volta nel 2012. La vettura non è quindi abbandonata, come è accaduto per molte auto d’epoca, ma presto dovrà essere spostata perchè parcheggiata su un marciapiede che rappresenta “area” pedonale. La bizzarra storia di Conegliano è venuta fuori grazie a un video su Facebook e da lì è diventato virale facendo il giro del web.

Il presidente Zaia ricorda quella Lancia Fulvia

A maggior testimonianza che questa storia non è frutto di una montatura mediatica, il presidente Luca Zaia che è originario di Conegliano, ricorda la vettura dalla sua infanzia. Infatti, durante l’intervista al Gazzettino svela: “È lì da quando andavo ancora a scuola!”. Insomma, l’auto dell’edicolante sembra davvero aver percorso la storia del paesino ma molto probabilmente dovrà essere spostata a causa delle regole autostradali che con gli anni sono cambiate.

Leggi anche:

Ecco i vantaggi per chi paga il bollo di un auto o una moto storiche

Luca Zaia annuncia proroga del bollo auto in Veneto

Alcuni casi specifici consentono il parcheggio in doppia fila: ecco quando si può