f1, gp di imola aperto agli spettatori: come acquistare biglietti

La stagione 2020 di Formula Uno è certamente inusuale, non solo per il ritardo con cui è partita, ma anche perché sono diversi i Paesi che ospiteranno più di una gara. Tra questi c’è anche l’Italia, che sarà teatro di ben tre appuntamenti: oltre a quello tradizionale di Monza previsto il 6 settembre, si replicherà la settimana successiva al Mugello, per poi chiudere il 1° novembre a Imola, dove il Circus mancava ormai dal 1996.

In quest’ultima location, che sarà teatro del Gran Premio dell’Emilia Romagna, il weekend durerà solo due giorni, con un solo turno di libere.

Il Circus torna a Imola dopo 14 anni

Si deve risalire al 1996 per ricordare l’ultima volta in cui la Formula Uno ha fatto tappa a Imola, teatro di gare leggendarie, anche se per molti è impossibile non collegare questo circuito al tragico giorno in cui ha perso la vita Ayrton Senna.

Ora, complice una stagione che ha una conformazione inedita rispetto al passato, il Circus tornerà a ospitare un appuntamento del Mondiale, previsto il prossimo 1° novembre.

Il weekend nel circuito emiliano avrà però una durata ridotta, solo per due giorni, sabato e domenica, e con un unico appuntamento nelle libere. Questa sessione si terrà dalle 10,00 del mattino di sabato. Nessuna modifica particolare, invece, al format delle qualifiche, che si svolgeranno come di consueto il sabato pomeriggio, a partire dalle 14,00.

Anche il programma domenicale cambierà

Le modifiche non si limiteranno a questo. Il Gp di Imola partirà infatti alle ore 13.10, due ore prima rispetto a quanto accade solitamente negli appuntamenti in Europa. Questa decisione presa da Liberty Media ha una motivazione ben precisa: a novembre, infatti, il buio arriva prima rispetto al periodo estivo, è quindi raccomandabile sfruttare le ore di massima visibilità per la corsa.

Anche nel caso in cui dovessero esserci bandiere rosse o sospensioni del Gran Premio, si avrebbe quindi tutto il tempo necessario per poter arrivare al traguardo.

Foto in alto: Shutterstock