foto dall'alto del circuito di imola

Torna tra i circuiti in cui correrà la Formula Uno quello di Imola, che sarà il terzo circuito italiano ad ospitare il Circus in questa particolare stagione. Infatti, oltre alle gare già in calendario che si correranno a Monza e al Mugello, previste per il 6 e il 13 settembre, si aggiunge ora la tappa di Imola.

Un appuntamento che manca da tempo

Si deve tornare al 2006 per ricordare l’ultima gara di Formula Uno disputata a Imola, un circuito che viene tristemente ricordato anche perché qui ha perso la vita nel 1994 Ayrton Senna.

Gli organizzatori hanno trovato l’accordo con Liberty Media, che ha inserito Imola nel calendario nel weekend del 1° novembre. L’evento assumerà la denominazione di “Gran Premio dell’Emilia Romagna“.

Sicuramente, questo ritorno va inserito nel quadro di sforzi fatti dalla Regione Emilia Romagna e dalle amministrazioni comunali per poter arrivare a questi risultati, come sottolineato dal governatore Stefano Bonaccini: “Il ritorno della Formula 1 a Imola dopo 14 anni è una notizia straordinaria, che premia il grande lavoro di squadra di queste settimane“.

Pare che a Imola si sperimenterà un weekend di gara breve in cui gli appuntamenti si condenseranno su due giorni soltanto, sabato e domenica. Prima di questo appuntamento sono comunque state inseriti altri due appuntamenti, l’11 ottobre si correrà al Nürburgring, in Germania, il Gp dell’Eiffel, poi il 25 ottobre ci si sposterà in Portogallo, a Portimao.

Come è cambiato il circuito

Da quando la Formula Uno non fa più tappa a Imola il circuito è stato modificato. Il tracciato è lungo 4,909 km ed è composto da 17 curve. I lavori hanno permesso di mettere in sicurezza la pista, permettendo che qui potessero correre Superbike e MotoGp. In Formula Uno il record spetta a Michael Schumacher, che ha corso un giro in 1:20.411 il 25 aprile del 2004.

Tra i più soddisfatti delle nuove tappe inserite in calendario c’è Chase Carey, CEO della F.1: “Siamo lieti di continuare a compiere notevoli progressi nel finalizzare i nostri piani per la stagione 2020 ed entusiasti di dare il benvenuto a Nürburgring, Portimão e Imola nel calendario rivisto. Vogliamo ringraziare promotori, team e Fia per il loro pieno supporto nei nostri sforzi per gareggiare in questa stagione durante un periodo senza precedenti. Vogliamo anche rendere omaggio ai nostri incredibili partner nelle Americhe e non vedo l’ora di tornare con loro la prossima stagione“.

Foto in alto: Shutterstock