gara di motogp

Il campionato di MotoGp non inizierà da Austin. Oggi, la FIM ha pubblicato un comunicato in cui annuncia che a causa del Coronavirus il Gp delle Americhe è stato rinviato e, per far posto al Gp nel campionato, anche il Gran Premio della Comunità Valenciana ha subìto una variazione nel calendario delle competizioni della classe regina. Un altro slittamento, dunque, per la MotoGp, dopo la cancellazione della gara in Qatar prevista per l’8 marzo e il rinvio del Gp in Thailandia inizialmente previsto il 22 marzo.

Il comunicato della FIM

Il Gp di Austin doveva inaugurare la stagione 2020 per la MotoGp. La FIM ha messo nero su bianco quanto segue: “A causa dell’attuale epidemia di coronavirus, il GP delle Americhe è stato rinviato. La FIM, IRTA e Dorna Sports si rammaricano di annunciare il rinvio del Red Bull Gran Premio delle Americhe, che si sarebbe dovuto svolgere dal 3 al 5 aprile 2020“.

Il Gp è stato per fortuna già ricalendarizzato. Una notizia che lascia delusi probabilmente tutti i tifosi e gli appassionati ma che, dopo che la città aveva dichiarato lo stato di emergenza, era immaginabile.

La nuova data del Gp di Austin

La FIM ha già individuato una nuova data per il Gp di Austin. Lo spostamento del Gran Premio ha provocato anche la variazione della data del Gp di Valencia: “A causa dell’attuale epidemia di coronavirus, l’evento è stato riprogrammato per la fine della stagione e ora si svolgerà dal 13 al 15 novembre“. Dal momento che il Gp di Austin ha preso il posto in calendario a quello di Valencia, la FIM ha comunicato anche la nuova data di quest’ultimo: “Il Gran Premio della Comunità Valenciana si terrà quindi dal 20 al 22 novembre 2020“. Si tratta della seconda importante variazione nel calendario delle competizioni della classe regina, dopo lo slittamento del Gp in Thailandia.