Miami GP Formula 1

È un’indiscrezione importante quella su Michael Masi, che potrebbe tornare come direttore di gara nel GP di Miami. Dopo il licenziamento voluto dalla FIA per la gestione degli eventi ad Abu Dhabi, è uno dei possibili candidati per la direzione del Circus negli U.S.A. Questa possibilità si è creata a causa degli altri due direttori, risultati positivi al Covid-19.

Masi di nuovo direttore di gara a Miami? Uno scenario possibile

Michael Masi era stato rimosso dal suo incarico di direttore di gara in seguito al GP di Abu Dhabi.

La sua gestione in quell’occasione non è piaciuta a molti team, e la FIA ha deciso di licenziarlo. Adesso però, dopo il GP di Imola, i due direttori, Edoardo Freitas e Niels Wittich, sono risultati positivi al Covid-19 e potrebbero non farcela per la tappa a Miami che si terrà la prossima settimana.

La situazione per la F1 è critica, perché per gestire la direzione di gara di un Circus così importante si richiede molta esperienza: esattamente quella che ha maturato Masi.

L’ex direttore è dunque uno dei papabili nomi che potrebbero volare in America, insieme a Herbie Blash, Scot Elkins e Colin Haywood esperti in materia. Non tutti sarebbero d’accordo con un suo rientro, però, soprattutto il team principal della Mercedes Toto Wolff.

Masi licenziato come direttore di gara dalla FIA

Con un comunicato ufficiale, la FIA ha annunciato il licenziamento di Michael Masi come direttore di gara F1. La decisione è stata presa in seguito alla gestione del direttore nel GP di Abu Dhabi. In quell’occasione Masi ha avuto un ruolo preponderante nell’agevolare Max Verstappen, che ha vinto la gara battendo Hamilton all’ultimo giro. La direzione nell’ultima tappa della scorsa stagione, non è piaciuta agli esponenti della Mercedes e neanche alla Red Bull che ne hanno chiesto l’espulsione.

Leggi anche:

Max Verstappen sfida la Mercedes: “Non potranno mai portarmelo via”

F1: audio inediti tra Masi e Wheatley riaprono la polemica su Abu Dhabi

Gp Russia, dopo la replica di Masi, Hamilton chiede scusa