F1: audio inediti tra Masi e Wheatley riaprono la polemica su Abu Dhabi

hamilton verstappen

La controversa polemica sul GP di Abu Dhabi che ha reso Verstappen Campione del Mondo, non è ancora finita. Emergono nuove registrazioni con uno scambio piuttosto emblematico tra il direttore di gara Michael Masi e Jonathan Wheatley della Red Bull. Il dialogo tra loro riaccende la disputa sulla sconfitta di Hamilton per il sorpasso alle ultime curve di Max.

Lo scambio tra i due direttore che riapre la questione di Abu Dhabi

In base ai messaggi tra i due direttori, sembrerebbe che Wheatley abbia detto a Masi di far passare i cinque veicoli doppiati, per poi iniziare l’ultimo giro di gara.

La Gazzetta riporta lo scambio: “Ovviamente quelle auto doppiate non è necessario lasciarle passare per raggiungere il retro del gruppo — dice il d.s. Red Bull — Ma devi lasciare passare, abbiamo una gara automobilistica tra le mani”. La risposta del direttore di gara non si fa attendere: “Capito, tutto chiaro”. A questo punto Masi fa sdoppiare le vetture davanti a Verstappen che, nel frattempo, si era fatto cambiare le soft.

In un altro video, sembrerebbe che ci sia stato un vero e proprio “errore” di comunicazione. Lewis Hamilton è stato avvisato dal box Mercedes che non si sapeva quando la gara sarebbe ricominciata.

Mentre, il muretto ha comunicato al pilota olandese che la gara sarebbe invece ripresa a breve, per un ultimo giro.

Il silenzio stampa di Hamilton dopo la vittoria Verstappen

Dopo quella controversa manovra con la quale Max Verstappen ha superato Hamilton all’ultimo giro del GP Abu Dhabi, il pilota ha mantenuto il silenzio stampa sulla vicenda. Per circa due mesi, Lewis è uscito di scena fino a qualche giorno fa, quando il pilota ha scritto un messaggio misterioso sui social: “Sono stato via ma ora sono tornato“.

Leggi anche:

Il comunicato della FIA sui fatti di Abu Dhabi, messaggio per Lewis Hamilton?

La finale del mondiale di F1: Verstappen vince superando Hamilton a poche curve dal traguardo

Lewis Hamilton scomparso dai social network, interviene Toto Wolff

Pubblicità

Potrebbe interessarti